Studentessa senegalese scomparsa: “Una pausa per ritrovare me stessa”

Primo Piano
·2 minuto per la lettura
Diary Sow (foto Instagram)
Diary Sow (foto Instagram)

“Abbiamo finalmente notizie di Diary Sow, sta bene”. Lo ha annunciato il ministro senegalese Serigne Mbaye Thiam, a due settimane dalla scomparsa della 20enne senegalese che studia in Francia.

La giovane ha inviato una lettera per spiegare il motivo del suo gesto e il ministro, in accordo con i familiari, ne ha condiviso alcuni passaggi su Twitter.

GUARDA ANCHE: Il caso di Diary Sow forse ad una svolta: è scomparsa volontariamente?

“Se non mi sono fatta viva prima d’ora è per la semplice ragione che ero impossibilitata a farlo – ha raccontato la studentessa - Mi sono presa una piccola pausa per ritrovare me stessa, sono dispiaciuta per la preoccupazione che posso aver causato”.

Diary ha chiarito che la sua scomparsa non è dettata da una ragione, ma ha parlato di un “desiderio insopprimibile, irragionevole e profondamente irrazionale” e si è detta “sorpresa e dispiaciuta” per l’intensa reazione che ha suscitato la scelta di prendersi del tempo per sé.

Diary Sow, Miss Scienze nel 2017 e Migliore Studentessa del Senegal nel 2018 e 2019, è studente presso il prestigioso liceo parigino Louis-Le-Grand grazie a una borsa di studio. Dal 4 gennaio si erano perse le sue tracce: la giovane dopo le vacanze natalizie non aveva fatto ritorno in classe, suscitando la preoccupazione.

Per lei si erano mobilitati il presidente del Senegal, Macky Sall, che aveva chiesto grandi sforzi alle autorità francesi e anche i compagni di scuola parigini, impegnati a distribuire i volantini nella speranza di ritrovarla. La procura di Parigi aveva aperto un'inchiesta sulla "preoccupante scomparsa".