Studentesse bloccate in Afghanistan

·2 minuto per la lettura
Donne Kabul
Donne Kabul

81 studentesse della Sapienza di Roma, nella lista del ministero della Difesa per il rientro in Italia, sono bloccate in Afghanistan.

Afghanistan, 81 studentesse della Sapienza bloccate

Sono 81 le studentesse della Sapienza di Roma che sono rimaste bloccate in Afghanistan. Le ragazze erano tutte nella lista del ministero della Difesa per il ritorno in Italia. A lanciare l’allarme è stato Bruno Botta, prorettore dell’Ateneo romano, in un’intervista al Gr Rai. “Erano sulla lista del ministero della Difesa per essere trasferite in Italia, ma a causa dell’attentato di tre giorni fa non sono riuscite ad entrare in aeroporto” ha spiegato Botta. “Sono dovute tornare indietro 90 persone dirette in Italia, tra cui 81 studentesse afghane che a breve avrebbero dovuto iniziare i corsi alla Sapienza. Con loro anche alcuni bambini” ha aggiunto il prorettore dell’Università. La conferma è arrivata anche dall’ex rettore dell’Università, Eugenio Gaudio.

Afghanistan, 81 studentesse della Sapienza bloccate: lo scenario dopo l’attentato di Kabul

Dopo l’esplosione le cose si sono complicate, siamo in contatto con l’unità di crisi della Farnesina che sta facendo tutto il possibile per aiutarci e ha detto che non lascerà soli gli studenti della Sapienza” ha spiegato il prorettore agli affari internazionali dell’Università La Sapienza di Roma, Bruno Botta. La maggiore preoccupazione “è per le studentesse andate da Herat fino a Kabul per imbarcarsi e che, se dovessero tornare indietro, rischiano rappresaglie” ha aggiunto. L’ex rettore dell’Università, Gaudio, ha spiegato che stanno lavorando “per sostenere gli studenti afghani iscritti alla Sapienza attraverso fondi con la Fondazione Roma-Sapienza“. “C’è impegno per aiutare questi studenti in difficoltà” ha aggiunto. La speranza è che il gruppo di studentesse riesca a viaggiare su voli di altri Stati, appena ce ne saranno. La situazione a Kabul dopo l’attentato è davvero molto tesa e disperata.

Afghanistan, 81 studentesse della Sapienza bloccate: l’annuncio del ministro dell’Istruzione talebano

Mentre 81 studentesse dell’Università La Sapienza di Roma sono rimaste bloccate in Afghanistan, arriva un annuncio molto serio nel Paese. Il ministro dell’Istruzione talebano ha spiegato che da adesso in poi nell’Università dell’Afghanistan le studentesse e gli studenti saranno divisi. “Continueranno a studiare in classi separate, come vuole la svaria” ha dichiarato Adbul Baqi Haqqani, come riportato da Tolo news. I talebani hanno vietato alle emittenti radio e televisive nella provincia di Kandahar, nel Sud dell’Afghanistan, di trasmettere la musica e soprattutto le voci femminili. A riportarlo è stata l’agenzia di stampa afghana, Pajhwok. Al momento la preoccupazione è molto alta, soprattutto perché queste 81 studentesse della Sapienza sono al momento bloccate e potrebbero andare incontro a rappresaglie e momenti di grande tensione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli