Stupro ai colli albani: un ragazzo è stato violentato da due amici

·Giornalista praticante
·2 minuto per la lettura
Police light on a parking civil car of the german police (Photo: fhm via Getty Images)
Police light on a parking civil car of the german police (Photo: fhm via Getty Images)

È stato drogato, rinchiuso in casa e violentato a turno per poi essere cacciato dall’appartamento ancora sanguinante. È successo ad un giovane ai Colli Albani a Roma, lo scorso autunno. I responsabili sono alcuni amici. A riportare la vicenda è Roma Today. Gli agenti della polizia hanno ricostruito la vicenda e hanno arrestato due ragazzi romani ritenuti responsabili dello stupro.

Lo scorso autunno il giovane, poco dopo le 5 di mattina, è stato soccorso dall’ambulanza e dalla Polizia di Stato in un bar di Colli Albani. Il ragazzo, riporta la Polizia, era molto agitato e ha raccontato di aver fatto uso di droghe e di essere stato violentato da alcuni amici. Ed in effetti gli accertamenti clinici fatti in ospedale hanno poi confermato sia la violenza sessuale che l’assunzione di stupefacenti. Il giovane ha ricevuto una prognosi di 25 giorni.

Durante le indagini successive gli investigatori del commissariato Appio hanno scoperto che il ragazzo, dopo aver cenato ed assunto la droga GBH - un acido organico conosciuto come “droga dello stupro” nell’appartamento di uno degli amici, è stato poi invitato ad andarsene. Dopo aver vagato per un po’ di tempo però è tornato intenzionato a farsi riaccompagnare a casa ed è in quel momento che è avvenuto lo stupro. Come riporta Roma Today:

I 2 giovani lo hanno fatto entrare ma una volta dentro, prima con le minacce e poi con violenza, lo hanno stuprato entrambi e lo hanno rimandato in strada sanguinante, non prima di averlo minacciato che, se avesse raccontato a qualcuno quello che era successo, avrebbero fatto vedere il video al fidanzato.

I poliziotti hanno identificato i due violentatori, entrambi romani, di 32 e 25 anni. Lo scorso 4 di maggio dunque, al termine delle indagini, è stata notificata l’Ordinanza di Custodia Cautelare a carico degli indagati emessa dal Gip su richiesta della Pr...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli