Stupro Roma, fermato a inquirenti: non sono stato

Nav

Roma, 19 lug. (askanews) - "Non sono stato io. Non c'entro nulla con questa storia". Ha detto sostanzialmente così P.R.G., il romeno di 25 anni fermato dalla Squadra mobile della polizia in relazione ad uno stupro avvenuto alla discoteca "Factory". L'immigrato - secondo quanto si apprende - avrebbe dei precedenti per reati contro il patrimonio e in passato aveva lavorato come tuttofare nel night. Conosceva, insomma, lo sgabuzzino attiguo dove la 21enne etiope è stata violentata la mattina del 19 maggio scorso. Il romeno, in Italia da una decina di anni, è stato fermato sul nuovo posto di lavoro, una università privata del quartiere Salario.