Sturgeon sfida Johnson, Scozia lancia campagna referendaria per l'indipendenza

La premier scozzese, Nicola Sturgeon, leader degli indipendentisti del Partito Nazionale (Snp), rilancia la campagna per arrivare a un nuovo voto popolare l'anno prossimo, circa il distacco da Londra, dopo il fallito referendum del 2014.

"Sono stata rieletta come primo ministro poco più di un anno fa - dice Nicola Sturgeon - con il chiaro impegno di dare al popolo scozzese la scelta di diventare un Paese indipendente.

Russell Cheyne/AP
AP Photo - Russell Cheyne/AP

Il popolo ha eletto il Parlamento con una maggioranza decisiva a favore sia dell'indipendenza che del diritto di scelta, il Parlamento scozzese ha quindi un indiscutibile mandato democratico".

Nel corso di una conferenza stampa, la premier si dice pronta a sfidare apertamente il veto del conservatore Boris Johnson e ricorda che la Scozia ha votato chiaramente contro la Brexit nel 2016 e alla fine si è vista costretta a lasciare l'Unione europea.

Russell Cheyne/AP
AP Photo - Russell Cheyne/AP

Questa circostanza, dice, ha generato enormi danni all'economia scozzese, al commercio e ai servizi pubblici: dal 2014, le circostanze sono molto cambiate e l'indipendenza è l'unico modo per tornare nell'Unione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli