Su Instagram gli archivi e i musei d’impresa d’Italia

Red
·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 17 mar. (askanews) - Negli archivi e nei musei d'impresa italiani sono contenute storie straordinarie, di donne e uomini che hanno inventato, sperimentato, prodotto, costruito lavoro, bellezza e relazioni sociali. In questi luoghi senza tempo, dove il passato e il futuro si incontrano, il saper fare - che si tramanda - dà forma a macchinari, oggetti iconici, scatti fotografici, brevetti e documenti d'epoca rappresentativi di un patrimonio industriale e culturale ma anche elementi di un'identità che si evolve, capace di mantenere salde radici nella propria memoria e al contempo uno sguardo sempre aperto al cambiamento.

Dal Kartell Museo prende il via oggi "Nel Tempo Di Una Storia", il progetto dedicato ai musei e agli archivi d'impresa, veicoli di sintesi tra storia e innovazione del Paese e specchio dell'evoluzione di tante manifatture italiane, promosso da Assolombarda e Museimpresa (l'associazione fondata da Confindustria e Assolombarda) e realizzato con il fotografo Simone Bramante, in arte Brahmino. Si tratta di un viaggio tra le storie di impresa, che sono espressione di persone, lavoro, ricerca e processi, per rendere gli spettatori testimoni e partecipi del cambiamento che guida le aziende e che le stesse aziende innescano.

Ogni settimana Brahmino racconterà due realtà culturali in giro per l'Italia attraverso altrettante stories, all'interno del profilo Instagram di "What Italy Is", il suo blog. Ognuna dedicata a uno dei cento musei e archivi d'impresa associati a Museimpresa, espressione anche di molte aziende associate ad Assolombarda. Attraverso le sue visite produrrà una vera e propria guida, composta da video e scatti d'autore, per coinvolgere i follower in un progetto di "cultura partecipata" digitale. Il risultato sarà un racconto anche attraverso il webmagazine Genio & Impresa e i social di Assolombarda e Museimpresa per avvicinare i giovani al mondo delle imprese e per far conoscere i musei e gli archivi, l'anima delle aziende, promuovendoli come destinazioni turistiche alla scoperta dell'Italia dei borghi. E un invito a visitare musei e archivi d'impresa, luoghi "vivi" anche se fisicamente chiusi in questo periodo di pandemia, e una valorizzazione degli itinerari turistici e delle bellezze del nostro Paese.

"La storia di una impresa racconta molte cose: ha una straordinaria valenza culturale ma anche e soprattutto un grande valore civile. L'impresa è cultura e i suoi valori, che da sempre ispirano la nostra tradizione, ancora oggi possono insegnarci come affrontare il presente e come progettare il futuro - ha sottolineato Alessandro Spada, Presidente di Assolombarda -. Parlo di quel fare impresa che è resilienza, innovazione, tecnologia, creatività. Valori che già tante volte in passato sono stati determinanti per superare i momenti più difficili e che, oggi, sono elementi essenziali per fare delle aziende quel motore di cambiamento positivo per affrontare le sfide che ci attendono. Tutte caratteristiche distintive dell'industria italiana, un vero e proprio patrimonio a cui attingere per contribuire alla ripartenza della nostra Italia".

"In questo tempo sospeso di chiusure forzate, la sfida che abbiamo davanti è quella di essere parte attiva nella costruzione di nuovi meccanismi di partecipazione e fruizione dei processi culturali - ha dichiarato Antonio Calabrò, vicepresidente di Assolombarda e presidente di Museimpresa -. Nel tempo di una storia va proprio nella direzione di far conoscere al grande pubblico l'animo che ha ispirato musei e archivi di impresa, luoghi vivi della comunità, in cui la cultura creativa e quella politecnica, la bellezza e l'arte si fondono. Luoghi fatti di lavoro, ricerca, innovazione, storie di persone e di processi produttivi, che si vanno a legare con la grande storia del nostro Paese".