"Su Mimì solo falsità. Lei non voleva avere a che fare con te". Olivia Bertè contro Loredana

HuffPost

Continuano a litigare le sorelle Berté e il motivo dello scontro è sempre la compianta Mia Martini. La più piccola, Olivia, si è scagliata contro Loredana, colpevole - secondo lei - di aver fatto delle dichiarazioni false a Verissimo: “Perché continuare a raccontare cose non vere? Perché gettare ombre anziché fare luce? Perché non parlare dell’arte e delle tante cose belle e positive della nostra amata sorella e basta? A chi giova tutto questo? All’audience di programmi generalisti cui poco interessa salvaguardare la nostra intimità?”, ha affermato in un lungo post sui social.

Loredana Berté, ospite a Verissimo, aveva ripercorso, commossa, la scomparsa della sorella: “Provo una sofferenza continua, mi sento in colpa. Con Mimì è morta una parte di me. Quando sono sul palco la sento dentro e dò tutto (…) Mimì è stata arrestata per uno spinello che le avevano messo in tasca. Ha fatto due anni in carcere. Quando è stata liberata, prima del processo, l’abbiamo nascosta in una soffitta per un anno”.

Inesattezze, secondo Olivia, che ha tenuto a precisare: “Mimì è stata in carcere quattro mesi e non due anni e soprattutto una volta rientrata a casa (un attico privo di soffitte) non ha mai avuto problemi con la giustizia, essendo stata scagionata a seguito di un regolare processo che l’ha prosciolta dall’accusa di spaccio per cui era stata ingiustamente arrestata. Nonostante il quarto di secolo trascorso dalla sua prematura scomparsa, Mimì continua a mancarci come fosse accaduto ieri. E allora perché continuare a raccontare cose non vere?”.

Olivia getta ombre anche sul rapporto tra Loredana e Mimì, che non sarebbe mai stato - a suo dire - così sincero e stretto. “Dopo Sanremo ’93 che Mimì ha fatto solo per esserti vicina, rimasta profondamente delusa dal tuo carattere a dir poco impetuoso, ha preferito tenerti a debita distanza - ricorda nel post -. Il cellulare non solo non te l’ha mai regalato ma si guardava bene dal...

Continua a leggere su HuffPost