Su Repubblica il presidente dei Cinquestelle difende la misura ed accusa chi la vuole cancellare

·1 minuto per la lettura
Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Sul Reddito di Cittadinanza Giuseppe Conte è stato chiarissimo, forse come mai prima e lo ha spiegato in una articolata intervista a Repubblica: “Non esibiranno mai questo scalpo”.

Conte sul Reddito di Cittadinanza contro le destre che vogliono cancellarlo

Chi non lo esibirà? Per l’ex premier e guida dei pentastellati non ci sono dubbi: le destre, presenti nel governo Draghi, più l’opposizione di FdI, che da tempo provano a cancellare la misura sia pur a fronte di proposte per migliorarla e renderne l’accesso più selettivo e mirato sui reali bisogni dei meno abbienti che si predispongano a cercare un lavoro.

Reddito di Cittadinanza e “furbetti”, ma per Conte i problemi sono altri

I recenti episodi di cronaca in cui a percepire il Reddito di Cittadinanza erano stato scoperti cittadini non proprio meritevoli e di dubbia idoneità hanno riportato in auge la spinosa questione e Giuseppe Conte ha voluto dare un segnale: “Le destre si sbracciano per colpire uno strumento di sostegno a lavoratori sottopagati, persone in povertà, minori, fragili, disabili”.

Giuseppe Conte sulle migliorie al Reddito di Cittadinanza: “Le abbiamo fatte noi stessi”

Poi l’affondo: “Tuttavia strizzano l’occhio all’evasione fiscale da oltre 100 miliardi l’anno che noi abbiamo combattuto con programmi come il Cashback. Non esibiranno mai questo scalpo, si mettano l’anima in pace”. Insomma, quello del leader del M5S non è benaltrismo ma solo realismo in dialettica politica e la misura che è bandiera del movimento a suo avviso certi attacchi non li merita: “Abbiamo migliorato noi stessi il Reddito di cittadinanza: più controlli, più incentivi per accettare le offerte di lavoro, sgravi alle imprese per favorire le assunzioni”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli