Su TikTok ballano contro il Green Pass, ma i ragazzi trainano le prime dosi

·3 minuto per la lettura
(Photo: TikTok)
(Photo: TikTok)

“Balla se adesso non puoi neanche prendere i mezzi per andare a scuola”. 312 like, 124 commenti. Nel giorno di battesimo del Super Green Pass, su TikTok alcuni ragazzi a ritmo di musica ribadivano fieri la loro opposizione al vaccino. Disposti a rinunciare al bus che li conduce all’istituto scolastico, alle gite, al cinema. Il dissenso diventa un balletto beffeggiante, che trova i “Mi piace” e i commenti di supporto di chi ha scelto la stessa linea. Nella maggior parte dei video postati dai ragazzi sul social negli scorsi sette giorni il mood è questo, eppure i numeri ci parlano di una realtà differente: secondo i dati elaborati dal Sole 24Ore nell’ultima settimana - quella che ha preceduto il potenziamento della certificazione verde - è stato registrato un rilancio delle prime dosi, trainato proprio dagli adolescenti con un +54%.

L’aumento è di di circa il 30% rispetto alla settimana precedente: il trend è stato generalizzato, ma il picco maggiore si è registrato per la seconda settimana di seguito nella fascia 12-19. “Ho fatto il vaccino perché mi sono sentita obbligata, dovevo rinunciare a troppe cose”, racconta ad Huffpost S., 19 anni, “Ero contraria, perché non so cosa ci sia dentro. Anche il mio ragazzo la pensa come me. Io non fumo e non bevo, ho sentito di tante persone che sono state male. Non mi fido. Capisco che possa servire per l’immunità di tutti, ma se avessi potuto evitarlo, non l’avrei fatto”. F., 15 anni, ci racconta un percorso simile: “Prima i miei genitori non avevano intenzione di farmi vaccinare, avevano paura, ma adesso è arrivata l’ora”. Senza vaccino ha dovuto rinunciare a diverse cose: “Purtroppo non ho potuto partecipare all’ occupazione della mia scuola. Il green pass ha cambiato radicalmente le mie attività, lo sport, e mi sta privando di meravigliose esperienze come feste di Istituto o mostre d’arte. Quando in classe mi chiedevano di andare a mangiare fuori o al cinema, mi salvavo con il tampone, ma ormai non basta più. Ho perso troppe esperienze, non voglio che il vaccino condizioni la mia adolescenza. Io e i miei genitori ci siamo accorti che non si può vivere senza”.

Della sua prima dose qualche giovane utente dà conto a TikTok, con scatti di fronte allo specchio che mostrano il cerotto sul braccio. Un ragazzo si vanta di aver convinto la ragazza, timorosa, a vaccinarsi. In una foto si guardano negli occhi sorridenti, con le bocche coperte dalle mascherine. ”Sei a fare il vaccino e vuoi scappare perché hai una paura grande come tutto il mondo”, racconta un’altra ragazza, al suo primo appuntamento con l’iniezione. Ma appunto, testimonianze di capitolazioni dell’ultimo periodo sono più rare sulla piattaforma, che al contrario ospita più facilmente posizioni del fronte opposto.

“Quando sei l’unica tra le tue amiche a non essersi vaccinata, ma pur di non darla vinta allo Stato te ne stai a casa”, balla una ragazza, sostenuta da 721 like. ”Quando tra il tuo gruppo sei rimasta l’unica a non vaccinarsi e da oggi non potrai più mettere piede da nessuna parte, ma tu il contentino allo Stato non glielo dai e pur di non vaccinarti per poter uscire rimani chiusa in casa, perché testa dura e cocciuta”: 226 like. C’è chi balla davanti all’albero di Natale già addobbato in casa, per mostrare come anche tra le mura del proprio appartamento riuscirà a divertirsi, se costretto a rinunciare alle uscite per via del Super Green Pass. Tra i commenti a questi post numerosi sono i messaggi di sostegno, ma non manca qualche biasimo da parte di utenti che invitano a vaccinarsi, spiegando che “riguarda la salute di tutti”.

TikTok (Photo: TikTok)
TikTok (Photo: TikTok)

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli