Subito polemica su nuovo commissario sanità Calabria

Adm
·2 minuto per la lettura

Roma, 8 nov. (askanews) - Nomina tra le polemiche quella del nuovo commissario alla Sanità in Calabria, Giuseppe Zuccatelli. A scatenare la bufera un video fuori onda risalente a marzo e rilanciato dai social nel quale il neo commissario sosteneva che "le mascherine non servono a un c...". Pronte le scuse di Zuccatelli che, come se non bastasse, risulta anche positivo al Covid-19. Ma il passo indietro non basta a placare le polemiche e anche nella maggioranza c'è chi, come Nicola Fratoianni, dice che "così non si può fare". Zuccatelli ha dovuto precisare in una nota che "le mascherine sono parte della fondamentale strategia di contrasto al Covid-19. Quindi, invito tutti ad utilizzarle, così come a rispettare il distanziamento fisico. Le mie affermazioni errate, estrapolate impropriamente da una conversazione privata risalgono al primo periodo della diffusione del contagio". La nomina di Zuccatelli è avvenuta nella notte con un provvedimento del consiglio dei ministri a seguito delle dimissioni nei giorni scorsi del precedente commissario Saverio Cotticelli anch'egli investito dalle polemiche dopo che, in un'intervista televisiva, aveva candidamente ammesso di non sapere che fossse lui a dover predisporre il piano Covid per la Calabria. Parole che avevano scatenato reazioni politiche e la condanna dello stesso presidente Conte che aveva annunciato di voler 'licenziare' Cotticelli. Matteo Salvini contesta al nuovo commissario la "militanza a sinistra" e anche le vecchie dichiarazioni contro le mascherine. Poi aggiunge: "Governo di incapaci e pericolosi. È ufficiale, Conte non vuole bene alla Calabria". Simile il commento di Giorgia Meloni: "Tra i grandi meriti di Zuccatelli quello di essere da sempre organico alla sinistra, fin dai tempi del PC, e di essere stato candidato di LeU (partito del ministro della Salute). Ecco con quali criteri il Governo Pd-M5S sceglie a chi affidare la salute dei cittadini". Per Giorgio Mulé di Fi, poi, "dopo il danno la beffa. Il governo Conte colpisce ancora: il nuovo commissario voluto sempre da palazzo Chigi, Giuseppe Zuccatelli, è forse anche peggiore". Ma, appunto, anche Fratoianni non gradisce: "Capisco tutto, l'urgenza, l'emergenza, la fretta e tutto il resto per trovare un nuovo commissario alla sanità della Calabria. Ma così non si può fare. Si intervenga subito".