Sud-Est asiatico, casi Covid-19 in aumento con diffusione variante Delta

·2 minuto per la lettura
Un operatore medico prepara una siringa con una dose del vaccino cinese Sinovac contro il Covid-19 al Central Vaccination Center

(Elimina refuso in titolo)

(Reuters) - Dopo aver scampato il peggio quando la pandemia di coronavirus è scoppiata l'anno scorso, il Sud-Est asiatico sta ora registrando aumenti record di decessi e contagi, mentre le carenze di vaccini e le varianti altamente contagiose hanno mandato in fumo gli sforzi per contenere la pandemia.

Mentre paesi come Gran Bretagna, Germania e Francia si preparano a revocare la maggior parte delle restrizioni rimanenti dopo gli ultimi devastanti focolai, i governi del Sud-Est asiatico hanno inasprito le misure, sperando che lockdown mirati consentano di interrompere la serie di picchi drammatici registrata dopo che i casi hanno iniziato ad aumentare a maggio.

L'Indonesia, il paese più colpito e più popoloso dell'area, ha registrato ieri 38.391 casi, sei volte il numero del mese prima, in una settimana in cui i decessi giornalieri sono raddoppiati da inizio luglio.

Gli ospedali dell'isola più popolosa, Giava, sono al limite, le scorte di ossigeno sono scarse e quattro dei cinque cimiteri designati per il Covid-19 nella capitale Giacarta sono quasi pieni.

Ieri sono stati segnalati decessi record in Malesia e in Thailandia, dove le autorità hanno proposto di limitare gli spostamenti interni, visto che la variante Delta, che sta seminando il caos in Indonesia, si è diffusa rapidamente anche a Bangkok e dintorni. Un nuovo terminal dell'aeroporto della capitale thailandese è stato trasformato in un ospedale da campo con 5.000 posti letto.

Il vicino Myanmar ha registrato per la prima volta più di 4.000 nuovi casi ieri e uno dei suoi giorni peggiori per numero di decessi, mentre la Cambogia ha registrato il numero più alto di nuovi casi e decessi negli ultimi nove giorni.

Secondo gli esperti sanitari, i bassi livelli di test nei paesi più popolosi dell'area, come l'Indonesia e le Filippine, stanno probabilmente mascherando la reale estensione dei focolai, mentre il Myanmar ha visto un crollo dei test dopo il colpo di stato militare di febbraio.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli