Sud Sudan, Unicef: 490.000 bambini a rischio inondazioni -3-

Red/Ihr

Roma, 6 nov. (askanews) - Circa 200.000 bambini sono stati colpiti da gravi inondazioni a Belet Weyne, Berdale, Baidoa, Jowhar e Mahadaiin, in Somalia. Migliaia di famiglie sono state costrette a lasciare le proprie case e rifugiarsi su terreni più alti. Vivendo in rifugi o peggio, all'aperto, molti degli sfollati hanno estremo bisogno di acqua pulita, servizi igienico sanitari, rifugi sicuri e aiuti sanitari e alimentari. Le inondazioni hanno anche distrutto le scuole e interrotto l'istruzione per migliaia di bambini.

Raccolti danneggiati e allevamenti inondati impediranno l'accesso al cibo. Questo aggraverà la già precaria situazione nutrizionale nel paese. L'insicurezza alimentare, la mancanza di assistenza medica e di accesso ad acqua sicura e servizi igienico sanitari aggraveranno la malnutrizione tra i bambini somali e causeranno un ciclo mortale di malattie legate all'acqua molto veloci a diffondersi.(Segue)