Sudamerica, "Eta" miete morte e distruzione: previsto il suo passaggio anche a Cuba e Giamaica

·1 minuto per la lettura
uragano eta centro america
uragano eta centro america

L’uragano Eta ha lasciato dietro di sé 63 morti nel Centro America, colpendo soprattutto Guatemala, Panama, Honduras, Costa Rica e Nicaragua. Migliaia gli sfollati e i dispersi. Ora il centro di monitoraggio degli uragani negli Usa prevede che la minaccia si estenderà nella giornata di venerdì 6 novembre sulle coste del Mar die Craibi, quondi colpendo Cuba, Florida e Giamaica.

Uragano Eta nel centro america: 63 morti

In America Centrale si contano oltre 63 morti causati dal passaggio dell’uragano Eta, ora declassato come semplice depressione tropicale. Migliaia i feriti e i dispersi soprattutto in Guatemala, Honduras, Panama, Nicaragua e Costa Rica.

Il presidente guatemalteco Alejandro Giammatei ha dichiarato che le frane per la tempesta nella giornata di giovedì 5 novembre ha ucciso più di 50 persone nei villaggi indigeni. Intanto l’Hurricane Monitoring Center (NHC) degli Usa avverte: “Previste inondazioni e smottamenti per la giornata di lunedì 9 novembvre sulle coste del Mar dei Caraibi“.

Cuba e Giamaica in allarme

Nello specifico, L’NHC prevede che l’uragano Eta possa scagliarsi sulle coste del Messico sud-orientale, colpendo quindi Cuba, Giamaica, Florida e le Isole Cayman.

Intanto in Guatemala, paese più colpito da Eta, sono aperti dei rifugi per accogliere le vittime e gli sfollati, come a Morales, nel nord-est del paese. “Tutta la mia casa si è riempita d’acqua. Ho perso tutto. Le mie galline e il mio porcellino sono stati spazzati via dal fiume in piena“, dichiara Eliseo Gonzales, un autista in pensione che si è rifugiato nello stadio di Morales.