Sudan, Amnesty: a un anno da proteste rispettare diritti umani -2-

red/Mgi

Roma, 19 dic. (askanews) - "Le autorità di transizione devono rispettare gli impegni presi per ripristinare lo stato di diritto e proteggere i diritti umani. Il popolo sudanese non merita niente di meno".

Le speranze adesso risiedono interamente nelle autorità di transizione guidate dal primo ministro Abdullah Hamdok e sono garantite dalla Carta Costituzionale del periodo di transizione, che contiene anche la Carta dei Diritti più completa del paese.

Il governo come passo avanti ha abrogato le leggi sull'ordine pubblico a novembre 2019, mettendo fine a un'era di vergognose violazioni principalmente dei diritti e libertà delle donne. (Segue)