Sudcorea, ministro Giustizia si dimette dopo scandalo nepotismo -2-

Fco

Roma, 14 ott. (askanews) - Diversi familiari del ministro sono stati al centro di indagini su privilegi dei quali i suoi figli avrebbero goduto mentre frequentavano la scuola, ma anche su investimenti in un fondo sospettato di transazioni sospette. Sua moglie Chung Kyung-sim, un'accademica, è stata accusata di aver falsificato un titolo della figlia, una vicenda che sarà valutata venerdì.

I sostenitori dell'ormai ex ministro, che era stato nominato quest'estate, denunciano che sia stato vittima di una vendetta del pm. Moon Jae-in ha da tempo il desiderio di riformare una procura che reputa politicizzata. Moon Jae-in ha accettato le dimissioni chiedendo scusa per le divisioni generate dalla sua nomina.