Sudcorea: polizia ammette errori nel prevenire la tragedia di Halloween

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Seul, 31 ott. (Adnkronos/Dpa/Europa Press) – La polizia sudcoreana ha ammesso di aver compito "errori" di sottovalutazione nelle misure adottate per prevenire la tragedia di Halloween a Itaewon, un quartiere di Seul, centro della movida della capitale, in cui sono morte più di 150 persone nella calca di gente in preda al panico che riempiva un vicolo della zona largo appena 4 metri.

Hong Ki Hyun, capo dell'Ufficio per la gestione dell'ordine pubblico della Polizia nazionale, si è lamentato di non aver potuto "prevenire la tragedia" di fronte alle crescenti critiche per l'operato delle forze di sicurezza. "Ci si aspettava che un gran numero di persone si sarebbe radunato lì, ma non pensavamo che ci sarebbero state vittime a causa della folla", ha affermato prima di dichiarare che "un numero simile di persone si riunisce lì ogni anno". "La polizia che si trovava nella zona non ha rilevato un improvviso aumento del numero di persone nella zona", ha detto, secondo le informazioni dell'agenzia di stampa Yonhap.

Hong ha indicato che domenica 137 membri del personale delle forze di sicurezza sono stati dispiegati nell'area, rispetto al numero degli anni precedenti la pandemia di coronavirus. Tuttavia, gli agenti avevano pianificato di occuparsi di traffico e crimini minori. "Non ci sono regole precise che indichino come far fronte a situazioni di grande affluenza come quelle della festa di Halloween di Itaewon", ha detto, assicurando che d'ora in poi verranno presi provvedimenti per intervenire nella eventi simili e senza una chiara organizzazione.