Suez: autorità mercati finanziari Francia bacchetta gruppo per posizioni contro Veolia

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Parigi, 2 apr. (Adnkronos) – Nuova puntata nella 'telenovela' francese che ormai da mesi coinvolge Suez e Veolia. Questa volta a recitare il ruolo da protagonista è l'Autorità dei mercati finanziari francese (Amf) che interviene per contestare a Suez la sua posizione assunta nell'ambito dell'opa lanciata da Veolia sul gruppo francese.

"La ricerca di una soluzione negoziata tra le parti – sottolinea l'Amf – è assolutamente legittima ma deve rispettare i principi di trasparenza e di integrità del mercato, di lealtà nelle transazioni e nella competizione" e rispettare "il libero gioco delle offerte e dei rilanci". L'Amf in particolare contesta a Suez il suo progetto di creazione di una società di diritto olandese che dovrebbe raggruppare le attività idriche francesi di Suez e il suo sostegno alla proposta del consorzio Ardian-Gip che di fatto bloccano la realizzazione del progetto di Veolia.

Veolia, il gruppo guidato da Antoine Frérot, ha annunciato all'inizio del mese di febbraio un'opa su Suez di cui detiene il 29,9% nonostante l'opposizione del board. Nei giorni scorsi Frérot ha presentato un ricorso al Tribunale di commercio di Nanterre in modo da impedire la cessione degli asset strategici e in particolare delle attività waste in Australia e nel Regno Unito fino all'Assemblea degli azionisti prevista per fine giugno. Nei giorni scorsi Frérot aveva sostenuto che queste cessioni annunciate da Suez erano un tentativo dei vertici del gruppo di opporsi all'Opa lanciata da Veolia.