Sui fatti di Bibbiano Comune di Reggio Emilia pronto a querelare

Pat

Bologna, 12 ago. (askanews) - Nell'ambito dell'inchesta "Angeli e Demoni" sugli affidi illeciti di bambini di famiglie residenti nel territorio di Bibbiano, il Comune di Reggio Emilia è pronto a querelare se si dovessero continuare a diffondere "notizie false nei confronti dei servizi sociali, che - si precisa in una nota stampa - non hanno mai avuto rapporti con Hansel e Gretel, il centro studi specializzato in abusi su minori e affidatario dei servizi di psicoterapia per l'Unione Val d'Enza".

"Nell'ambito di una verifica interna effettuata dal Comune di Reggio Emilia che, come già precisato, non ha né ha avuto rapporti con il centro studi Hansel e Gretel se non per l'organizzazione di due convegni - si legge nella nota stampa -, risulta che due minori presenti sul territorio reggiano, e seguiti anche dal servizio sociale di Reggio, hanno usufruito di terapia psicologica da parte della dottoressa Nadia Bolognini su incarico di un soggetto del privato sociale e dell'Asl".

In uno dei due casi, precisa il Comune del capoluogo reggiano "il minore si trova nella propria famiglia, ma non si è mai configurata ipotesi di allontanamento poiché è stata la stessa famiglia a rivolgersi ai servizi sociosanitari per un supporto psicologico a fronte di evento traumatico. Nel secondo caso il minore si trova in casa-famiglia, a seguito di condanna di un adulto per violenza nei suoi confronti".