Suicidio assistito, Conte: serve legge ma non tema governo

Afe

Roma, 27 set. (askanews) - Sul suicidio assistito "va fatta una legge, ci sprona a farlo anche la Consulta. Leggeremo la sentenza, ma invita il Parlamento a legiferare. Io avevo sollecitato le forze politiche ad assumere l'iniziativa, anche perchè su questo tema non mi sembra appropriata una iniziativa governativa. Sono materie laceranti, anche sul piano morale. Farne una questione di governo no, ma è giusto che ci sia un dibattito, sereno, serio". Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, intervistato a Ceglie Messapica (Br) dal direttore di 'Affari Italiani' Perrino.

"La mia opinione personale - ha aggiunto - da giurista direi, è che che mentre non ho dubbi che esista un diritto alla vita, il perno di tutti i diritti, è da dubitare che ci sia un diritto alla morte. Esiste un diritto all'autodeterminazione, ormai è riconosciuto, ma scegliere di essere avviato alla morte e chiedere l'ausilio di personale qualificato può essere un po' dubbio. Ma bisognerebbe riconoscere l'obiezione di coscienza per i medici".