Suicidio a Firenze, un tedesco di 35 anni si getta dal ponte Vespucci

suicidio Firenze

Suicidio a Firenze, dove un uomo di nazionalità tedesca ha deciso di togliersi la vita gettandosi dal ponte Vespucci. Inutile l’intervento dei soccorritori. La vittima avrebbe compiuto 36 anni il prossimo aprile.

Suicidio a Firenze, 35enne si getta dal ponte

Si è gettato da una spalletta del lungarno Soderini: l’uomo, tedesco da tempo residente nel capoluogo toscano, ha riportato gravissime ferite. Infatti, dopo essersi gettato nel vuoto, la vittima ha sbattuto sul selciato della pista in cemento che costeggia la riva sinistra del fiume Arno. Le sue condizioni sono subito apparse critiche. Il personale del 118 è intervenuto sul posto. Immediatamente sono state messe in atto le manovre di rianimazione. Poi il 35enne di nazionalità tedesca è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Careggi. Le sue condizioni erano troppo gravi e per lui non c’è stato niente da fare: a causa delle gravi ferite riportate, è morto poco dopo l’arrivo in ospedale. I carabinieri hanno avviato un’indagine per far luce sull’accaduto e chiarire le cause che hanno spinto l’uomo a suicidarsi.

In Italia ogni anno sono 4000 le persone che si tolgono la vita. Un gesto estremo, forse l’inevitabile conseguenza di un dramma interiore contro cui sembra non esserci rimedio. In molti casi, invece, sarebbe bastato un aiuto per risolvere la situazione ed evitare il peggio. La tragedia è evitabile se si informa l’opinione pubblica e si aiutano i familiari e gli amici, affinché sia più facile individuare i segnali di allarme e affidarsi a persone competenti che possano offrire un importante supporto.