Suicidio a Roma: 13enne si getta dal nono piano di un palazzo

suicidio roma ragazza precipita dalla finestra

Una ragazzina di 13 anni ha perso la vita a Roma dopo essere precipitata dal nono piano di un palazzo a Valle Aurelia. Gli inquirenti che indagano sul caso non escludono l’ipotesi di un suicidio, sebbene le motivazioni del tragico gesto restino al momento ancora sconosciute. Gli agenti della Squadra Mobile e quelli del commissariato di Primavalle hanno chiuso la strada al traffico per poter eseguire accertamenti e rilievi scientifici sulla scena. La salma è stata trasferita in obitorio, dove verrà eseguita l’autopsia.

Roma, suicidio a Valle Aurelia

L’episodio, al momento classificato come probabile suicidio, si è verificato nella serata di domenica 29 settembre, in viale di Valle Aurelia (Roma). Intorno alle ore 19, il corpo della giovanissima è stato trovato senza vita dopo un volo di diversi metri. Il violento impatto con il suolo le ha provocato lesioni che si sono rivelate fatali. Sul luogo della tragedia sono intervenuti i soccorritori del 118, ma per la 13enne non c’è stato niente da fare. I medici, dopo i vani tentativi di rianimazione, non hanno potuto fare altro che dichiarare il decesso.

I precedenti

A febbraio, in via Pomezia, una ragazza di 17 anni si è lanciata dal sesto piano di un palazzo nel quartiere Appio Latino, nei pressi di piazza Re di Roma. La giovane è morta sul colpo a causa dei traumi riportati in seguito all’impatto. Inutile la corsa all’ospedale San Giovanni.

A fine ottobre, nel quartiere Acilia è stato rinvenuto il cadavere di una donna in avanzato stato di decomposizione. Accanto al suo corpo, gli inquirenti hanno trovato un biglietto con cui lei e il marito hanno espresso la volontà di togliersi la vita. I Carabinieri sospettano un caso di omicidio-suicidio per motivi economici.