Sul voto del Colle pesa l'incognita Covid

·4 minuto per la lettura

AGI - Nessuna 'emergenza' nessun allarmismo. I numeri dei positivi tra senatori e deputati al momento sono contenuti, viene spiegato. Ma di certo a Montecitorio, così come a palazzo Madama, non si sottovaluta il rischio che l'aumento di contagi (gli esperti parlano di metà-fine gennaio come momento in cui si avrà il picco della quarta ondata) possa impattare anche sul voto per il nuovo presidente della Repubblica. E si studia la 'strategia' da mettere in atto per garantire che il tutto si svolga regolarmente ma nel rispetto della sicurezza sanitaria. Tra domani e martedì si svolgerà alla Camera una riunione con i consulenti tecnici e sanitari per valutare la situazione e adottare tutte le misure e contromisure per un regolare svolgimento del voto.

Si parte dal dato di circa 30 deputati assenti per Covid (tra positivi e in quarantena) a fine dicembre (esattamente il 30, ultimo giorno di seduta dell'Aula, di cui meno di 20 i contagiati dal virus) e meno di una decina di sentori, e c'è chi riferisce di non più di 5-6 (ma il dato è riferito al 23 dicembre, ultima seduta dell'Aula di palazzo Madama).

Dunque, per fare un calcolo più aggiornato bisognerà attendere la ripresa della normale attività del Parlamento: l'Aula di Montecitorio è convocata il 10 gennaio, quella del Senato l'11 (domani la seduta dell'Assemblea è convocata alle ore 11 ma solo per la comunicazione della presentazione di un decreto). Allora si conosceranno i nuovi dati relativi ai parlamentari positivi, ma bisognerà anche aggiornare le assenze di chi è venuto a contatto con soggetti infetti e alla luce delle nuove norme sulla quarantena non dovrà restare a casa, il che potrebbe far dimunire le assenze.

Se le assenze dovute al Covid dovessero mantenersi sul trend di fine dicembre, o anche salire un po' a circa una cinquantina-sessantina di contagiati (considerando anche i delegati regionali), si osserva tra Camera e Senato, comunque il quorum delle votazioni non subirebbe grossi 'scossoni' e sarebbe garantito (la maggioranza dei due terzi nei primi tre scrutini su 1008 grandi elettori e la maggioranza assoluta dal quarto in poi). E questo anche se le assenze per Covid dovessero arrivare a toccare quota 100, scenario ipotizzato da alcuni parlamentari ma che al momento non trova conferme sulla base dei dati a disposizione. Detto questo, è inevitabile la scelta di adottare modalità di voto che garantiscano il rispetto delle norme igienico-sanitarie, a tutela degli stessi grandi elettori. Tra Natale e Capodanno si è svolta una prima riunione 'operativà alla Camera, alla quale appunto seguirà la nuova riunione tra lunedì e martedì con i consulenti sanitari di Montecitorio.

Quanto al voto a distanza, l'ipotesi non è in campo, viene spiegato, anche perchè ad eccezione del dem e costituzionalista Ceccanti, nessuna richiesta formale è stata fatta pervenire alla presidenza. E poi c'è da garantire la segretezza. Si fa inoltre osservare che il 'dossier' Quirinale non si riassume al solo momento del voto, anche se determinante, ma presuppone riunioni, incontri, capannelli e, quindi, la presenza è una condizione necessaria. Per quel che riguarda la 'gestionè organizzativa, il presidente Fico si confronterà anche con i gruppi parlamentari. E anche se non viene escluso a priori che si possa procedere con due votazioni al giorno, è più probabile che si opti per una sola votazione, almeno nella prima fase.

Spetterà comunque anche ai presidenti di gruppo decidere il da farsi: se, infatti, è prerogativa del presidente della Camera stabilire la data di convocazione della prima seduta congiunta (data che si conoscerà il 4 gennaio, quando Fico invierà la lettera alle Regioni), a ridosso della prima votazione si riunirà, come da consuetudine, una Conferenza dei capigruppo congiuta di Camera e Senato e in quella sede si stabiliranno anche le modalità delle votazioni successive. Altamente plausibile il voto 'scaglionato' per orari, sul modello del voto di fiducia che si è adottato dall'inizio dello scoppio della pandemia. Il che comporterà inevitabilmente un allungamento dei tempi: si calcola che saranno necessarie almeno 5 ore per lo svolgimento delle operazioni di voto, considerando l'appello nominale, lo scaglionamento, il tempo necessario per scrivere il nome nella scheda, a cui si deve aggiungere il tempo per lo spoglio e per la sanificazione dell'emiciclo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli