Sulla questione è intervenuto anche Alberto Zangrillo, per il quale la letalità Coronavirus in Italia non si merita un terzo posto nella relativa classifica mondiale

·1 minuto per la lettura
Il virologo Bassetti su La7: "Forse mie previsioni sbagliate"
Il virologo Bassetti su La7: "Forse mie previsioni sbagliate"

L’infettivologo Matteo Bassetti, ospite a “L’Aria che Tira” su La7, ha dichiarato che in Italia abbiamo sbagliato a contare i morti da Covid. “Abbiamo sbagliato perché abbiamo contato i decessi in maniera diversa rispetto a tutto il resto d’Europa. Vogliamo continuare nell’errore? Da quando abbiamo cambiato la metodologia di conteggio dei decessi noi stiamo drammaticamente decrescendo come letalità ma abbiamo un peccato originale che riguarda marzo-aprile, dove chiunque arrivasse in ospedale con un tampone positivo, anche che aveva un infarto, veniva qualificato come morto per Covid”.

Covid, “abbiamo sbagliato a contare i morti”

Sulla questione è intervenuto anche Alberto Zangrillo, per il quale la letalità Covid in Italia non si merita un terzo posto nella relativa classifica mondiale. Il prorettore dell’università Vita-Salute San Raffaele di Milano ne ha parlato durante un’intervista per Adnkronos.

“Sul Corriere della Sera l’Italia viene indicata in modo negativo, sulla base di un database e non di una ricerca strutturata secondo regole scientifiche”, ha detto Zangrillo. I dati incriminati sarebbero quelli provenienti dalla John Hopkins University, che quotidianamente aggiorna il numero di contagi confermati, i morti e i guariti nei vari Paesi del mondo.

L’esperto ha proseguito poi definendo fake news l’articolo citato: “Inoltre, l’indice è calcolato in base al rapporto fra morti e numero di positivi”. Ed “è noto a tutti che durante la cosiddetta prima ondata il numero di persone tracciate come positive al Sars-CoV-2 in Italia, primo Paese occidentale colpito, è stato drammaticamente sottostimato”.