Sulli, trovata morta in casa la star del K-pop. Aveva 25 anni

HuffPost

Sulli, star del K-pop e icona del mondo musicale giovanile sudcoreano, è stata trovata morta in casa dal suo manager, nella periferia di Seul. Sono ancora ignote le cause del decesso della venticinquenne. La notizia è diventata subito virale, raggiungendo sui social milioni di tweet. In molti hanno postato la sua ultima apparizione in video, citando le sue parole: “Non sono una brutta persona. Perché dite cose cattive su di me? Cosa ho fatto per meritare questo?”.

Sulli era molto legata a Jonghyun, altra star del K-pop che si è tolto la vita due anni fa a 27 anni, e in molti messaggi prevale l’ipotesi che anche la giovane popstar si sia suicidata per depressione.

VIDEO - L’ultimo singolo della star del K-pop Sulli

 

Ma la polizia di Seongnam ha dichiarato di non aver trovato segni evidenti sul corpo di Sulli e non hanno trovato biglietti d’addio in casa: “L’indagine è in corso e non facciamo ipotesi sulla causa della morte” ha detto un funzionario del dipartimento.

Sulli, il cui vero nome era Choi Jin-ri, era nata il 29 marzo 1994 a Pusan, in Corea del Sud. Ha iniziato a lavorare sin da piccola e nella sua breve carriera ha alternato cinema, debuttando come attrice a 11 anni, e musica, entrando nel 2009 a far parte della girlband f(x). Nell’estate del 2014, durante la promozione del terzo album Red Light, Sulli aveva annuncia un periodo di pausa per l’elevato stress fisico e mentale. Da quel momento la cantante è stata al centro di numerose speculazioni sulla sua vita privata, culminate con l’annuncio del suo distacco dal gruppo nell’agosto 2015.

Continua a leggere su HuffPost