Summit clima: Usa si impegnano a dimezzare emissioni contro riscaldamento globale

·2 minuto per la lettura
Il presidente francese Macron ascolta il presidente degli Stati Uniti Joe Biden durante una videoconferenza del Summit sul clima

WASHINGTON (Reuters) - L'amministrazione di Joe Biden si è impegnata a dimezzare le emissioni di gas serra degli Usa entro il 2030, con un nuovo target che punta a spronare altri grandi Paesi responsabili dell'inquinamento a fissare obiettivi più ambiziosi per combattere il cambiamento climatico.

Gli Stati Uniti, il secondo principale produttore di emissioni al mondo dopo la Cina, stanno cercando di recuperare la leadership globale nella lotta contro il riscaldamento del pianeta dopo che l'ex presidente Donald Trump si era tirato fuori dagli sforzi internazionali per tagliare le emissioni.

Il presidente Biden ha annunciato l'obiettivo di tagliare le emissioni del 50%-52% rispetto ai livelli del 2005 all'inizio del summit virtuale di due giorni sul clima.

"È in questo decennio che dobbiamo prendere decisioni che eviteranno le peggiori conseguenze della crisi climatica", ha detto il capo della Casa Bianca, ospite del vertice.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha detto che il nuovo obiettivo degli Stati Uniti "segnerà una svolta" nella lotta al cambiamento climatico.

Il Giappone ha aumentato il suo obiettivo di tagliare le emissioni al 46% entro il 2030, rispondendo alla diplomazia statunitense e alle aziende e agli ambientalisti giapponesi, che volevano target ancora più alti.

Anche il primo ministro canadese Justin Trudeau ha annunciato un taglio delle emissioni del 40%-45% entro il 2030 rispetto ai livelli del 2005.

L'obiettivo climatico degli Stati Uniti segna anche un'importante pietra miliare nel più ampio piano di Biden di decarbonizzare interamente l'economia degli Stati Uniti entro il 2050 - un progetto che secondo lui creerà milioni di posti di lavoro ben pagati ma che molti repubblicani temono possa danneggiare l'economia.

I tagli alle emissioni degli Stati Uniti dovrebbero provenire dalle centrali elettriche, dalle automobili e da altri settori dell'economia, ma la Casa Bianca non ha fissato obiettivi individuali per queste industrie. Il nuovo obiettivo quasi raddoppia l'impegno dell'ex presidente Barack Obama che prevedeva un taglio delle emissioni del 26-28% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2025.

Gli obiettivi settoriali specifici saranno definiti più avanti nel corso dell'anno.

Biden si è concentrato a riconquistare la leadership degli Stati Uniti nella lotta ai cambiamenti climatici durante la campagna,, e nei primi giorni della presidenza dopo che il repubblicano Trump ha ritirato gli Stati Uniti dall'accordo di Parigi sul riscaldamento globale.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Roma Francesca Piscioneri, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614)