Sunak in visita da Zelensky. In arrivo da Londra 125 cannoni antiaerei

Cambia il primo ministro, ma non il supporto all'Ucraina. Per la prima volta in visita a Kiev il nuovo premier inglese Rishi Sunak ha promesso al presidente ucraino zelensky 125 cannoni antiaerei e altre tecnologie di difesa aerea. Sul piatto anche radar e tecnologie utili ad abbattere i droni forniti dall'Iran alla Russia.

Il pacchetto di aiuti, del valore di 50 milioni di sterline, è stato annunciato per soccorrere Kiev contro gli attacchi che la Russia sta procurando alle infrastrutture della rete elettrica ucraina che stanno causando blackout diffusi per milioni di cittadini mentre nel Paese stanno cadendo le prime nevi.

Sunak ha dichiarato pieno supporto a Kiev. "Supporteremo l'Ucraina finché non avrà ottenuto la pace e la sicurezza che merita, e per tutta la fase di ricostruzione del Paese", ha dichiarato il primo ministro britannico, che ha definito la resistenza ucraina come una storia da raccontare alle prossime generazioni. Sembrano messe alle spalle le accuse rivolte anche dai colleghi del partito conservatore inglese a Sunak di essere stato troppo restio alle richieste di aumento delle spese per la difesa quando era capo del Tesoro del Regno Unito sotto il governo di Boris Johnson.

La Gran Bretagna ha stanziato 2 miliardi e mezzo di euro in aiuti militari e oltre 400 milioni per le emergenze umanitarie. In queste settimane stanno arrivando da Londra i mille missili anti aerei annunciati a inizio mese. Zelenskyy ha descritto i due Paesi come "gli alleati più forti" nel conflitto ucraino.