Super League: "Pronti tra 5 mesi". Uefa: "Siete in tempo per ripensarci"

Carlo Renda
·Vicedirettore HuffPost
·1 minuto per la lettura
Soccer Football - Twelve of Europe's top football clubs launch a breakaway Super League - Madrid, Spain - April 20, 2021   People walk past a picture of the Santiago Bernabeu Stadium as twelve of Europe's top football clubs launch a breakaway REUTERS/Susana Vera (Photo: SUSANA VERA via REUTERS)
Soccer Football - Twelve of Europe's top football clubs launch a breakaway Super League - Madrid, Spain - April 20, 2021 People walk past a picture of the Santiago Bernabeu Stadium as twelve of Europe's top football clubs launch a breakaway REUTERS/Susana Vera (Photo: SUSANA VERA via REUTERS)

“La Super League può partire anche tra cinque mesi. Siamo pronti a sederci e parlare con la Uefa. Le loro minacce di esclusioni non sono comunque legali”. Anas Laghrari, segretario generale della Superlega, parla del nuovo progetto in un’intervista a Le Parisien. “Non sarà una lega chiusa, un quarto delle squadre sarà rinnovata ogni anno - spiega - Vogliamo creare il miglior calcio, abbiamo il desiderio di organizzare una competizione che tutti vogliono vedere, che fa sognare la gente, i giovani per rinnovare un calcio che è entrato nella follia dei trasferimenti e dei soldi”.

“Le giovani generazioni sono meno interessate al calcio - sottolinea Laghrari -, si concentrano sulla console o su altro e si collegano solo per le grandi partite. Ma questi big match ci sono raramente”. E come esempio, cita la prossima semifinale di Champions League tra Real Madrid e Chelsea, “il primo incontro in assoluto tra questi due giganti del calcio europeo”. “C’è anche una frustrazione tra i giocatori che vogliono giocare queste grandi sfide. aggiunge il segretario generale della Superlega - contro questi grandi giocatori, Neymar sognava di giocare contro Messi negli ottavi di Champions ma era infortunato e forse non giocherà mai contro Messi”. Quanto alla nuova formula della Champions, Laghrari la boccia: “Difficilmente comprensibile”.

La posizione dell’Uefa è di fermezza, con una mano tesa. “A questo punto, vorrei rivolgermi ai presidenti di alcuni club, inglesi principalmente: signori, avete fatto un grande errore. Qualcuno potrebbe dire che sia avarizia, ignoranza o altro, ma non importa, siete ancora in tempo per cambiare idea. Tutti commettono errori” ha detto il presidente dell’Uefa Aleksander Ceferin durante il discorso d’apertura del Congresso Uefa a Montreux.

“Per qualcuno, i tifosi sono diven...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.