Superlega: il regista Avati, ‘se si farà smetto di tifare per il Milan, è un’idea inquietante’

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 19 apr. (Adnkronos) – “Se davvero si farà la Superlega smetterò di tifare per il Milan e comincerò a tifare per il Bologna”. E’ la provocazione del regista Pupi Avati che, interpellato dall’AdnKronos, boccia l’ipotesi della Superlega che considera "un’idea inquietante”.

“La scelta di fare una Superlega ristretta soltanto a certi club – sostiene – è finalizzata soprattutto ai rientri televisivi. Mi sembra indecente nei riguardi dei piccoli club. Ho fatto un film che si chiamava ‘Ultimo minuto’ con Ugo Tognazzi. Raccontava la storia di una squadra di calcio che per rimanere in serie A doveva ricorrere a centomila sotterfugi. Era il tempo del calcio scommesse. E quindi conosco bene quella materia, le difficoltà delle squadre di bassa classifica, quelle che tutti gli anni si devono giocare la permanenza in serie A”.

Per questo, “non può rallegrarmi una forma così discriminatoria” continua Avati che aggiunge: “La mia seconda squadra è il Benevento di Pippo Inzaghi che rischia di andar in B”.