Superlega pensata per salvare il calcio - Florentino Perez a tv spagnola

·2 minuto per la lettura
Il presidente del Real Madrid Florentino Perez durante una conferenza stampa allo Stadio Santiago Bernabeu a Madrid

(Reuters) - La controversa decisione di formare una Superlega europea è stata presa "per salvare il calcio" ed è parzialmente motivata dal fatto che "i giovani non sono più interessati alle partite".

Lo ha dichiarato Florentino Perez, presidente del Real Madrid.

Parlando per la prima volta dopo l'annuncio di domenica della creazione di una nuova lega d'elite da parte di 12 importanti club europei, il nuovo presidente della Superlega ha detto che il calcio deve evolversi e adattarsi ai tempi.

"Ogni volta che c'è un cambiamento, ci sono sempre persone che si oppongono... e stiamo facendo ciò per salvare il calcio in questo momento cruciale", ha detto Perez, parlando alla trasmissione televisiva spagnola 'El Chiringuito de Jugones'.

"Il pubblico sta diminuendo, i diritti stanno diminuendo e bisognava fare qualcosa. Siamo tutti rovinati. La televisione deve cambiare così che noi possiamo adattarci", ha aggiunto.

Perez ha affermato che "i giovani non sono più interessati al calcio".

"Perché? Perché ci sono molte partite di pessima qualità e non sono interessati, hanno altre piattaforme su cui distrarsi", ha spiegato.

Perez ha poi detto di non aver invitato il Paris Saint Germain o altri club tedeschi e di non aver ancora deciso quali criteri usare per scegliere i team da aggiungere.

Tuttavia ha ribadito che i team più prestigiosi stavano subendo perdite e necessitavano di un nuovo impeto, e l'annuncio di ieri di un allargamento della Champions League da parte della Uefa non è la risposta giusta.

"Se continueremo con la Champions League ci sarà sempre meno interesse e poi verrà la fine", ha detto. "Il nuovo format, che inizierà nel 2024, è assurdo… saremo tutti morti nel 2024".

"Complessivamente abbiamo perso 5 miliardi (di euro)", ha detto, in riferimento alle presunte perdite subite dai club più importanti. "In due stagioni Madrid ha perso 400 milioni".

"Quando non hai altre fonti di ricavo oltre alla televisione, la soluzione è creare partite più interessanti che i fan di tutto il mondo possono vedere con tutti i grandi club, e siamo giunti alla conclusione che avendo una Superlega, anziché la Champions League, saremo in grado di recuperare parzialmente quanto abbiamo perduto", ha detto Perez.

"Se raggiungeremo un accordo con la Uefa vogliamo iniziare ad agosto, altrimenti, possiamo aspettare un anno", ha concluso Perez. "Questa non è una lega per i ricchi, è una lega per salvare il calcio".

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)