**Superlega: Smaila, 'immagino le altre squadre, a nessuno piace fare parenti poveri'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 19 apr. (Adnkronos) – "Mi metto nei panni dei tifosi delle altre squadre, i quali si trovano a dover recitare il ruolo di parenti poveri, ed è una cosa che non piace a nessuno". Così Umberto Smaila commenta all'Adnkronos l'annuncio della nascita di una superlega europea che, tra i club italiani, comprende Inter, Milan e Juventus. "E' una cosa che va verificata, bisogna capirne i termini, i calendari, le scadenze. Bisogna soprattutto capire meglio come si potranno rendere pratiche tutte le minacce che sono state rivolte -osserva Smaila- Fuori dalla Uefa, fuori dalla Champions…diciamo che abbiamo bisogno ancora di avere ulteriori delucidazioni per poter digerire una notizia simile".

L'ex Gatti di Vicolo Miracoli aggiunge però alcune considerazioni: "Se devo dire la verità, da tifoso milanista potrei certamente divertirmi vedendo un campionato del genere, a chi non piacerebbe, sarebbe come una sorta di playoff continuo come si fa in America per il basket, ma in questo momento in cui il mondo si dibatte in altri problemi e problematiche l'ho trovato asincrono, fuori luogo. Avrei aspettato a comunicare la notizia, era prematuro", sottolinea.