Superlega: Ulivieri, 'una follia pensata da persone disperate'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 19 apr. (Adnkronos) – La Superlega di calcio "è una cosa folle, pensata da persone disperate che si aggrappano solo al profitto e hanno una visione non ristretta, e neanche parziale: proprio ottusa del mondo, e conseguentemente di quello del calcio, legata solamente al profitto". Lo dice all'Adnkronos il presidente dell'Aiac, gli allenatori di calcio, Renzo Ulivieri. "Persone -prosegue- che scordano da dove viene il calcio, le passioni che ha suscitato, che non sono solo Juventus, Milan, Inter ma anche Empoli, Pontedera, Pisa, Livorno. La conseguenza del loro piano sarà di distruggere questo mondo di passioni. Togli la base e sarà la fine".

Oltretutto, continua Ulivieri, "in un momento particolare come questo laddove in Italia e in Europa abbiamo il problema di riportare i giovani verso la passione per il calcio, tirare fuori questo è da folli disperati. Se c'è da ridimensionare, allora ridimensioniamo i grandi club, hanno la forza per farlo e sarebbe un bel gesto. Ma questi non sanno neanche dove vanno a parare, chiusi nei loro uffici a scartabellare numeri e dati, che ne sanno delle passioni. Io ho conosciuto l'Avvocato e non so se avrebbe fatto tutto questo: ma il mondo è cambiato rispetto ai suoi tempi, oggi si può manipolare tutto con la comunicazione. Ma solo fino a un certo punto: sono convinto che la gente alla fine si romperà i c…. e comincerà a vedersi le partite per conto suo".