Sventato un attacco ad una sinagoga in Germania

·1 minuto per la lettura
Polizia
Polizia

Stavano progettando un attacco esplosivo contro una sinagoga in Germania. Quattro sospettati sono stati fermati, compreso un minorenne.

Germania, progettavano un attacco esplosivo contro una sinagoga: fermato un minorenne

Un ragazzo siriano di 17 anni è sospettato di progettare un attacco contro la sinagoga di Hagen con dell’esplosivo, nel Land tedesco del Nordreno Vestfalia. Il ragazzo è stato fermato dalla polizia, con altri tre sospettati. A renderlo noto è stato il ministro dell’Interno del Land, come riferito da Dpa e Spiegel. Nella serata di ieri, 15 settembre, la polizia si è recata davanti alla sinagoga della città, mobilitata in base a degli indizi su una “possibile situazione di pericolo” nell’edificio.

Germania, progettavano un attacco esplosivo contro una sinagoga: quattro fermi

La polizia di Hannover, su Twitter, ha dichiarato che “complessivamente sono quattro i fermi” avvenuti nell’ambito delle indagini sulla preparazione di un attentato con esplosivo alla sinagoga di Hagen, nel Land tedesco del Nordreno-Vestfalia. Tra questi anche un ragazzo siriano minorenne. Gli inquirenti hanno anche parlato di perquisizioni in corso. In base ad indizi su una “possibile situazione di pericolo” è stata disdetta la preghiera dello Yom Kippur e le forze dell’ordine si sono recate intorno all’edificio, per un’operazione durata fino a tarda notte.

Germania, progettavano un attacco esplosivo contro una sinagoga: “Rischio di un attentato”

C’è stato il rischio di un attentato alla sinagoga di Hagen” ha dichiarato Herbert Reul, ministro dell’Interno del Land tedesco del Nordreno Vestfalia, alla festa del giuramento dei giovani agenti a Colonia. “I vostri colleghi e le vostre colleghe lo hanno probabilmente evitato” ha aggiunto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli