In Svezia c'è un grattacielo in legno in grado di assorbire 9 milioni di chili di Co2

In Svezia c'è un grattacielo in legno in grado di assorbire 9 milioni di chili di Co2

Un nuovo grattacielo in legno, in grado di assorbire anidride carbonica e in controtendenza rispetto all'industria edile, tradizionalmente soggetta a emissioni di Co2. È il Sara Cultural Centre: alto 20 piani e 75 metri, prende il nome da una popolare autrice svedese e ha aperto i battenti lo scorso settembre. È l'ennesima struttura in legno che adorna le strade di Skelleftea, città svedese impegnata nella lotta al cambiamento climatico.

"Tutti pensavano che fossimo un po' pazzi a proporre un edificio come questo in legno - dice Robert Schmitz, l'architetto che ha realizzato la costruzione -.  Siamo piuttosto pragmatici e ci siamo detti che se non si può fare tutto in legno, almeno una parte di esso doveva essere realizzata in questo modo. Ma durante il processo di progettazione tutti abbiamo concordato sul fatto che fosse più efficiente costruire l'intero edificio in legno".

Come si può costruire in modo meno dannoso per l'ambiente?

AP Photo
Solo nel 2015 l'industria edile è stata responsabile di oltre il 38% delle emissioni globali di Co2 legate all'energia. - AP Photo

Il centro culturale ospita sei palcoscenici teatrali, una biblioteca, due gallerie d'arte, un centro conferenze e un hotel di 205 camere. Il tutto è stato costruito con oltre 12.000 metri cubi di legno, prelevato da foreste a soli 60 chilometri dalla città. Il progetto fa parte di un più ampio sforzo di Skelleftea di liberare l'industria edilizia locale dall'uso di materiali dannosi per l'ambiente.

Secondo il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente solo nel 2015 i lavori edili sono stati responsabili di oltre il 38% delle emissioni globali di andidribe carbonica legate all'energia. La produzione di cemento, inoltre, è la principale fonte di emissioni industriali di Co2 al mondo.

Il legno invece assorbe l'anidride carbonica, trattenendola dall'atmosfera e immagazzinandola per sempre. I responsabili del Sara Cultural Centre, la seconda torre in legno più alta del mondo, sostengono che il grattacielo catturerà nove milioni di chilogrammi di anidride carbonica durante il suo arco di vita. Ma la sostenibilità dell'edificio non si ferma qui. Il grattacielo vanta anche pannelli solari in grado di alimentare l'edificio e di immagazzinare l'energia in eccesso nel seminterrato.

Come comunica questo grattacielo con gli edifici che lo circondano?

AP Photo
Il grattacielo ospita sei palcoscenici teatrali, una biblioteca, due gallerie d'arte, un centro conferenze e un hotel di 205 camere. - AP Photo

I progettisti affermano che il centro culturale può "comunicare" con le strutture vicine e distribuire l'energia in eccesso quando necessario. "Un sistema di intelligenza artificiale analizza il consumo energetico dell'edificio e può decidere come farlo funzionare in base ai livelli di energia disponibili", afferma Patrik Sundberg, business unit manager dell'azienda energetica locale Skelleftea Kraft. Sundberg sostiene che, col tempo, il grattacielo "imparerà" le esigenze energetiche dell'edificio. "Il sistema di intelligenza artificiale che aiuta il grattacielo a prendere queste decisioni ogni minuto, 24 ore su 24, 7 giorni su 7".

Una città costruita dalla foresta

Getty Images
La Svezia ha la più alta percentuale di foreste in Europa - Getty Images

Le costruzioni in legno non sono una novità a Skelleftea, che può contare sull'abbondanza di foreste nelle vicinanze per costruire i suoi edifici fin dal XVIII secolo. Da un imponente ponte in legno che attraversa il fiume locale a un più recente garage a tre piani nel centro della città, tutto a Skelleftea sembra fatto con gli alberi che la circondano. E nella maggior parte dei casi è davvero così.

Con la popolazione della città destinata a crescere nei prossimi anni (da 72.000 a 80.000 abitanti entro il 2030), gli abitanti sono desiderosi di mantenere viva questa tradizione verde per le nuove generazioni. "Stiamo vivendo dei cambiamenti con tutte le persone che si trasferiscono qui. Usare questo materiale ecologico ci fa sentire al sicuro - afferma Evelina Fahlesson, vicesindaco della città -. Se non avessimo questa tradizione, cosa diventerebbe la città? Cosa diventerebbe il comune? Una cosa completamente diversa".

L'impresa di costruzioni svedese Lindbacks è specializzata in edifici prefabbricati in legno. Ora sta lavorando a un nuovo progetto di appartamenti per ospitare i nuovi arrivati in città. "L'aspetto positivo della struttura in legno è che si può modificare nel tempo, cosa che non si può fare con le case - afferma il responsabile dell'azienda, David Sundstrom -. La selvicoltura e le case in legno sono presenti da mille anni in Scandinavia. Abbiamo vissuto in case di legno, che hanno il vantaggio di poter essere modificate: possiamo spostare le pareti per cambiare la disposizione degli spazi".

Questo è un altro vantaggio del legno, che attualmente rappresenta oltre il 20% di tutti i nuovi edifici multipiano in Svezia. Tomas Alsmarker, responsabile dell'innovazione di Swedish Wood, afferma che negli ultimi cinque anni il Paese ha assistito a un enorme cambiamento nei materiali da costruzione. Per oltre un secolo la Svezia ha vietato le case in legno con più di due piani. Ora è il materiale preferito nel Paese con la più alta percentuale di foreste in Europa. "Per tutti gli edifici fino a otto piani di altezza la questione non è se sia possibile realizzarli in legno - dice Alsmarker -. Bisognerebbe chiedersi perché non dovremmo farlo in legno".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli