Svezia, col 90% dei voti contati blocco destra verso la vittoria

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 12 set. (askanews) - Con oltre il 90% dei voti contati I Democratici svedesi di estrema destra sembrano essere vicini a provocare un terremoto nella politica svedese e in mattinata il leader del partito di estrema destra, SD, I democratici, Jimmie Åkesson, ha tenuto un discorso all'Elite Hotel Marina Tower di Nacka, vicino a Stoccolma, in Svezia,

L'estrema destra sembra vicina a provocare un terremoto nella politica svedese, con i Democratici svedesi che sono diventati il ??secondo partito più grande del paese, mentre il più ampio blocco di destra si è avvicinato alla vittoria sul centrosinistra in carica.

Gli exit poll di domenica sera hanno inizialmente suggerito una vittoria di misura per i socialdemocratici e i loro alleati di centrosinistra. Ma man mano che i voti venivano contati, il conteggio ha cominciato a premiare la destra. Con oltre il 90% dei voti contati, il blocco di destra di quattro partiti ha avuto una quota di voti corrispondente a 176 dei 349 seggi in parlamento, con il blocco di sinistra dietro a 173.

Un risultato conclusivo potrebbe non essere noto fino a quando non saranno conteggiati i voti degli svedesi che vivono all'estero, risultato atteso a metà settimana, mentre l'esito molto ristretto del confronto elettorale v potrebbe ancora complicare la formazione di un governo di lavoro.

Il leader dei Democratici svedesi (SD) anti-immigrazione svedesi Jimmie Åkesson ha affermato che il blocco di partiti politici di destra era probabilmente diretto alla vittoria dopo le elezioni parlamentari di domenica. "In questo momento sembra che ci sarà un cambio di potere", ha detto Jimmie Åkesson in un discorso ai membri del partito.

Domenica sera il primo ministro socialdemocratico in carica, Magdalena Andersson, ha detto ai sostenitori esultanti: "Non avremo un risultato finale stasera", Andersson, 55 anni, ha invitato gli svedesi ad "avere pazienza" e "lasciare che la democrazia faccia il suo corso" .

La prospettiva che i Democratici svedesi di estrema destra, che sembravano avere più del 20% del sondaggio, possano per la prima volta ottenere un'influenza diretta sulla politica del governo segna un cambiamento sismico in un paese noto per le sue tradizioni liberali.

L'SD è emerso dal movimento neonazista svedese a metà degli anni '90 e continua a lottare per scrollarsi di dosso le accuse di estremismo. È stato trattato come un paria da altri partiti, ma tre anni fa il partito Moderato di centrodestra ha abbracciato la cooperazione con l'estrema destra.

L'SD ha aumentato il suo voto in ciascuna delle ultime nove elezioni generali. I suoi leader ora chiedono una carica ministeriale, ma gli altri tre partiti del blocco hanno detto che non inviteranno il partito al governo stesso. Tuttavia, la posizione dell'SD come il partito più grande sulla destra li pone in una posizione di forza.

"L'SD è attualmente di gran lunga il più grande partito al mondo con radici naziste", ha affermato Tobias Hübinette, docente di studi interculturali all'Università di Karlstad .

"Anche se il partito condanna ufficialmente le proprie radici ideologiche razziali, questo sfondo è ancora presente oggi, nel senso che l'SD è ancora legata ad esse, vedendosi come l'unica forza politica che può salvare la popolazione a maggioranza bianca nativa svedese".

Ieri sera Åkesson, ha detto esplicitamente: : "Il nostro obiettivo è sedere al governo. Il nostro obiettivo è un governo di maggioranza. Ora sembra possibile".

Il segretario del partito, Richard Jomshof, ha detto a sua volta alla televisione pubblica SVT che "non credeva" che altri partiti sarebbero stati in grado di congelare di nuovo i Democratici svedesi e si aspettava che avrebbero una forte influenza sulla politica del paese.

"Siamo così forti ora... è chiaro che dovremmo avere un posto nelle commissioni parlamentari", ha detto.

Ha detto che il partito ha "la possibilità di essere parte attiva di un governo che avrebbe portato la politica in una direzione completamente diversa".

Al culmine della campagna, l'SD ha presentato un treno della metropolitana decorato con i suoi colori elettorali come "espresso di rimpatrio". "Benvenuto a bordo con un biglietto di sola andata. Prossima fermata, Kabul", ha twittato il portavoce legale del partito, sottolineando la richiesta dell'SD di espellere gli immigrati non europei.

Le elezioni hanno rivelato che la Svezia è una nazione profondamente a disagio con l'immigrazione, con l'SD in grado di sfruttare i timori sulla criminalità violenta. Le preoccupazioni degli elettori come l'aumento dei prezzi dell'energia, il fallimento delle scuole e le lunghe code per l'assistenza sanitaria sono state soffocate da un'attenzione incessante sull'immigrazione e sulla criminalità.