Svezia: finta esecuzione di Erdogan fa infuriare la Turchia

In Svezia un fantoccio con le sembianze del presidente turco Erdogan appeso a testa in giù è apparso giovedì davanti al municipio di Stoccolma durante una manifestazione a favore dei curdi, provocando l’ira della Turchia.

Dura condanna del premier svedese

"Questo è un sabotaggio della richiesta di Svezia e Finlandia di diventare membri della Nato – ha detto il primo ministro svedese, Ulf Kristersson – L'obiettivo esplicito è impedirlo. Comprendo l'indignazione della Turchia. Avremmo manifestato esattamente la stessa rabbia se fosse successo in un altro paese contro un leader politico svedese".

"La Svezia rispetti gli impegni presi"

Secondo il portavoce di Erdogan, Fahrettin Altun, il fatto "è la prova che le autorità svedesi non hanno preso le misure necessarie contro il terrorismo”. La Turchia si aspetta che vengano identificati e condannati gli autori dell'atto e che la Svezia rispetti i suoi impegni. Intanto l’ambasciatore svedese ad Ankara è stato convocato al ministero degli Esteri.

Ankara ago della bilancia

Il percorso di adesione alla Nato di Svezia e Finlandia, su cui pesa il veto della Turchia – che ha richiesto a Helsinki e Stoccolma di agire contro i gruppi curdi nei loro territori, che Ankara considera “terroristi” – è sempre più in salita.

PER APPROFONDIRE:

Il difficile dialogo tra Svezia e Turchia

Le sfide della Svezia, presidente di turno dell'Ue