Svezia, la prima donna premier dura solo poche ore: cosa è successo

·1 minuto per la lettura
Magdalena Andersson. REUTERS/Joshua Roberts
Magdalena Andersson. REUTERS/Joshua Roberts

Il suo nuovo ruolo è riuscita a ricoprirlo a malapena per otto ore Magdalena Andersson, la prima donna premier della Svezia. La leader socialdemocratica (ed ex ministra delle Finanze), infatti, dopo aver ricevuto la fiducia dal Parlamento del Paese scandinavo, è stata costretta a rassegnare le dimissioni perché il suo progetto di bilancio è stato bocciato e i Verdi sono usciti dall'esecutivo sostenendo che la legge finanziaria 2022 avesse recepito troppe modifiche per pressioni provenienti dall'opposizione di destra. 

VIDEO - La prima volta in Svezia, un governo guidato da una donna, (che si è già dimessa)

"Non voglio guidare un governo la cui legittimità è stata messa in dubbio", ha affermato Andersson.

"È una pratica costituzionale che vuole che un governo di coalizione si dimetta quando uno dei partiti lascia l'alleanza", ha commentato ancora, aggiungendo che si augura di essere eletta di nuovo a capo del governo in un ulteriore voto del Parlamento. La stessa Andersson, in un meeting con il presidente del Parlamento svedese Anderas Norlen, ha poi dichiarato di essere ancora interessata a guidare un esecutivo a guida unica del partito socialdemocratico.

VIDEO - Svezia, protezione delle renne e sicurezza stradale

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli