Svezia, rapper Usa Rocky si dichiara non colpevole di aggressione

Coa

Roma, 30 lug. (askanews) - Il rapper americano Asap Rocky, apparso questa mattina davanti a un tribunale in Svezia insieme a due membri del suo entourage, si è dichiarato non colpevole dell'accusa di aggressione, all'inizio del suo processo per violenza.

Rocky, 30 anni, il cui vero nome è Rakim Mayers, è stato posto in custodia cautelare dalla polizia e poi detenuto a seguito di una rissa a Stoccolma, il 30 giugno scorso. Il rapper ha agito in una situazione di "legittima difesa", ha dichiarato il suo avvocato Slobodan Jovicic in tribunale.

Tuttavia, ha detto il legale citato da Afp, il rapper "ammette di avere scaraventato a terra la vittima, di averne schiaffeggiato il braccio, di avergli dato un pugno o averlo spinto alla spalla".