Svizzera prevede cauta revoca misure lockdown da marzo

·1 minuto per la lettura
Sede del Parlamento svizzero a Berna

ZURIGO (Reuters) - La Svizzera prevede di avviare a marzo i propri primi "cauti passi" verso la fine del lockdown contro il coronavirus, secondo quanto comunicato dal governo, in contrasto con i paesi confinanti che manterranno molte restrizioni.

Nel primo passo si prevede la riapertura di negozi, musei e biblioteche a partire dall'1 marzo. Riapriranno anche gli zoo, i giardini e i centri sportivi, con una decisione finale prevista il 24 febbraio.

I ministri erano combattuti tra il sostegno degli esperti sanitari per misure più severe e le richieste di riapertura da parte delle imprese in difficoltà, ma un calo nel numero delle infezioni ha permesso al governo di cambiare approccio.

Potrebbero quindi seguire ulteriori revoche delle misure a partire dall'1 aprile, se il numero dei contagi rimarrà basso, secondo quanto comunicato da Alain Berset, ministro della Sanità svizzero.

La riapertura della Svizzera è in contrasto con l'Austria, nazione confinante che deciderà l'1 marzo su un potenziale allentamento delle restrizioni pandemiche, previsto non prima di Pasqua.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)