Svolta nel caso della morte di Louise Smith

·2 minuto per la lettura
Louise Smith
Louise Smith

Il caso di Louise Smith, 16enne trovata morta in un bosco nel Regno Unito lo scorso maggio, è finalmente arrivato ad una svolta. Il marito della cugina della ragazza, Shane Mays, trentenne di Havant nello Hampshire, si è dichiarato colpevole di omicidio colposo. L’uomo attualmente è a processo.

16enne morta nel bosco

Louise Smith era scomparsa nell’area di Leigh Park, nello Hampshire, l’8 aprile e dopo molti giorni di ricerche frenetiche il suo corpo è stato ritrovato privo di vita in un bosco non distante dalla sua abitazione. La polizia aveva fatto sapere che la giovane era stata uccisa e ora il marito della cugina si è dichiarato colpevole di omicidio colposo. Lo scorso maggio la giovane è stata trovata morta in un bosco. L’ultima volta che era stata vista viva era l’8 aprile, intorno a mezzogiorno. Prima di sparire nel nulla aveva dichiarato di voler prendere una boccata d’aria. A lanciare l’allarme era stata la sua famiglia e da quel momento erano partite le ricerche, fino al 21 maggio, quando il suo corpo è stato trovato in una zona boschiva.

La ragazza è stata assassinata prima che il suo corpo venisse abbandonato. Stiamo lavorando per mettere insieme tutti i pezzi degli ultimi momenti di vita di Louise e individuare il responsabile” aveva dichiarato il sovraintendente capo investigatore Scott MacKechnie. La polizia ben presto aveva individuato la cugina della ragazza, Cjay Mays, e il marito Shane Mays, che erano stati subito fermati. La cugina di Louise Smith in seguito è stata scagionata e i sospetti si sono concentrati su suo marito, che ha sempre negato di essere coinvolto in questo omicidio. Poche ore prima dell’inizio del processo, invece, si è dichiarato colpevole di omicidio colposo, come ha riportato la stampa locale.