Tabaccaio ladro di gratta e vinci: fermato a Fiumicino

·2 minuto per la lettura
fermato tabaccaio napoli
fermato tabaccaio napoli

Il tabaccaio di Napoli che era scappato con il gratta e vinci rubato è stato fermato a Fiumicino. L’uomo infatti, dopo essersi dato alla fuga per circa 48 ore, avrebbe deciso di imbarcarsi per Fuerteventura, ma non aveva con sè il biglietto vincente. Il tabaccaio ora rischia la revoca della licenza.

Fermato a Fiumicino il tabaccaio che ha rubato il grattavinci a Napoli

Nella mattinata di domenica 5 settembre, a Fiumicino la Polizia di frontiera dell’Aeroporto ha fermato il tabaccaio di Napoli accusato di aver rubato a una signora il gratta e vinci da mezzo milione di euro.

L’uomo era scappato lo scorso venerdì 3 settembre, e dopo essersi dato alla macchia per circa due giorni, avrebbe deciso di partire per l‘isola di Fuerteventura.

Al suo arresto però la polizia non avrebbe trovato il biglietto vincente con sé.

Tabaccaio di Napoli fermato a Fiumicino: la vicenda

Tutto era inocminciato lo scorso venerdì, quando in una ricevitoria di Napoli, una signora aveva giocato due gratta e vinci. Il primo andò a vuoto, il secondo invece si è rivelato vincente.

Così la signora ha chiesto subito all’addetto al bancone di verificare la vincita, da 500mila euro. Una somma che però ha ingolosito il tabaccaio proprietario dell’esercizio commerciale, tanto da scappare con un motorino da dietro lo sgabuzzino, facendo eprdere le sue tracce a tutti.

Tabaccaio di Napoli fermato a Fiumicino, dopo giorni di ricerche in Europa

La donna però non si è persa d’animo e ha subito allertato del furto i carabinieri di Napoli. Appena ricevuta la denuncia, i militari hanno subito diramato le ricerche, sia in Italia che a livello europeo, per evitare che potesse fuggire all’estero, data l’ingente somma di denaro.

Le ricerche come già abbiamo scritto nel paragrafo iniziale, sono proseguite per circa due giorni, quando la polizia di frontiera di Fiumicino è riuscita a bloccarlo in aeroporto, prima che partisse per Fuerteventura.

A carico dell’uomo incensurato non ci sono misure restrittive, quindi sarebbe libero di lasciare il Paese, recandosi dove vuole. Intanto però proseguono le indagini sul caso, in particolar modo sul ritrovamento del gratta e vinci rubato, la prova che certifica il furto.

Il tabaccaio rischia ora la revoca della licenza da parte dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli