Taglio dei parlamentari ed esiti infausti hanno aumentato il numero dei "trombati"

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Elezioni 2022 e grandi delusi, cosa faranno ora i politici non eletti in Parlamento? Il dato è evidente e fra taglio dei parlamentari ed esiti davvero infausti il numero dei “trombati” è alto e con nomi di grido. Ecco una carrellata veloce su alcuni di questi personaggi considerati dei veri habitué decennali di Montecitorio e Palazzo Madama o protagonisti degli ultimi governi. Il decano è il non rieletto Umberto Bossi, il senatur della Lega ha problemi di salute e l’età che avanza e potrebbe uscire di scena in barba al tentativo di Matteo Salvini di farlo diventare senatore a vita.

Cosa faranno ora i politici non eletti

L’esclusione più clamorosa è comunque quella di Luigi Di Maio, che dal Movimento Cinque Stelle ad Impegno Civico ed al ministero degli Esteri ha visto la sua parabola politica precipitare. Che farà? Il suo futuro è ancora incerto. E i suoi sodali? L’ex ministra dell’Istruzione  del M5s Lucia Azzolina  “probabilmente continuerà a lavorare in ambito scolastico”. Idem dicasi per Davide Crippa, che “potrebbe tornare al suo vecchio mestiere, l’ingegnere”.

Pillon resta e Paragone vuole “mettere ordine”

Tornando alle Lega spicca il caso del senatore “anti gender” ed antiaborto  Simone Pillon: lui non vuole mollare però e ha detto: “Non significa affatto che io mi arrenda o che torni a vita privata”, ha detto. E il leader di Italexit Gianluigi Paragone? Lui stesso ha però già detto che non abbandonerà la strada intrapresa. No, adesso Paragone vuole “fare ordine” nel partito. Potrebbe invece tornare a fare la sindacalista l’ex ministra delle Politiche agricole prima Pd, poi in quota Italia Viva Teresa Bellanova.