Taiwan denuncia: Cina cerca di impedirci di acquistare vaccini

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 17 feb. (askanews) - Taiwan ha affermato oggi che la Cina si è frapposta nelle trattative per l'acquisto di vaccini dalla Pfizer BioNTech, impedendo di concludere l'operazione. A dirlo è stato il responsabile della lotta contro la pandemia di Taipei, il ministro della Sanità Chen Shi-chung in un'intervista audio all'agenzia di stampa CNA.

"Avevamo negoziato l'acquisto di 5 milioni di dosi (...), la firma era imminente e alla fine dello scorso anno stavamo affinando i comunicati stampa, ma eravamo preoccupati che qualcuno potesse intervenire", ha ricordato il ministro. Poi però dall'altra parte si è cominciato a premere il freno e, qualcuno, ha rivelato: "C'è qualcuno che non vuole che Taiwan sia felice".

Chen non ha fatto esplicitamente il nome della Cina, ma il Financial Times ha raccolto le dichiarazioni di un altro alto esponente del governo di Taipei, per il quale è stata Pechino a impedire la finalizzazione dell'acquisto, attraverso un intervento della Fosun Pharmaceutical, la casa farmaceutica di Shanghai che è concessionaria per la distribuzione del vaccino tedesco-americano per la Grande Cina.

Taiwan, attraverso la compagnia TTY Biopharm - una compagnia guidata dall'ex primo ministro Lin Chuan -, stava trattando direttamente con BioNTech per la fornitura di vaccini.