Taiwan, tensione alle stelle: navi cinesi oltrepassano linea di frontiera

La Casa Bianca ha condannato gli "attacchi missilistici di precisione" lanciati giovedì dalla Cina nelle acque al largo di Taiwan.

Pechino ha condotto i lanci nell'ambito di esercitazioni militari scattate dopo la visita di Nancy Pelosi, che hanno portato alle stelle la tensione con Washington: l'isola è stata praticamente circondata dalle navi da guerra cinesi, che secondo fonti ministeriali taiwanesi avrebbero superato venerdì mattina la linea di frontiera nello stretto di Taiwan.

"La Cina - ha dichiarato il portavoce del Consiglio di sicurezza statunitense John Kirby - ha scelto di reagire in modo eccessivo e di usare la visita del presidente della Camera come pretesto per aumentare le attività militari provocatorie all'interno e intorno allo Stretto di Taiwan. (...) Non cercheremo, né vogliamo, una crisi. Allo stesso tempo, non saremo dissuasi dall'operare nei mari e nei cieli del Pacifico occidentale nel rispetto del diritto internazionale, come abbiamo fatto per decenni, sostenendo Taiwan e difendendo un Indo-Pacifico libero e aperto".

Kirby ha detto inoltre che il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha dato ordine alla portaerei a propulsione nucleare USS Ronald Reagan e ad altre navi del gruppo d'attacco di rimanere in posizione nell'area "per monitorare la situazione". Intanto, però, il test del missile balistico Minuteman ICBM, fissato da tempo per questa settimana, è stato riprogrammato per "il prossimo futuro".

Da Tokyo, tappa finale del suo tour asiatico, Pelosi ha dichiarato venerdì che Washington non permetterà alla Cina di isolare Taiwan, impedendo ai funzionari statunitensi di accedervi

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli