Tajani: Gentiloni? Non esprimo giudizi personali, lo pungoleremo

Bar

Roma, 6 set. (askanews) - "Non discuto mai questioni personali, lo conosco, siamo compagni di scuola e l'abbiamo sempre pensata in maniera diversa ma non lo discuto". Antonio Tajani, ex presidente del Parlamento europeo e numero due di Forza Italia, ha commentato così l'indicazione italiana di Paolo Gentiloni come commissario europeo.

A giudizio dell'esponente azzurro "non c'è nessuna rivoluzione nella Commissione Ue, c'era Mogherini del Pd e Pd rimane. Vedremo se sarà capace Gentiloni di svolgere un ruolo importante per l'Italia. Certamente non troverà un'azione contraria da parte mia. Lo stimoleremo, lo pungoleremo, perché possa avere un risultato positivo: Bruxelles non è Montecitorio, non è palazzo Madama, bisogna sempre tutelare l'interesse nazionale. Non si fanno le battaglie interne a Bruxelles".