Tajani: inchiesta Lombardia? No ai processi mediatici

Bar

Roma, 10 mag. (askanews) - No ai processi mediatici: è questa la posizione di Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo e numero due di Forza Italia, sull'inchiesta lombarda per corruzione che ha investito anche degli esponenti del suo partito. "Io - ha detto rispondendo alle domande dei cronisti a Montecitorio - sono stato garantista quando si è trattato della vicenda di Roma che ha coinvolto il M5S, sono stato garantista col Pd quando c'è stata la vicenda dell'Umbria, sono stato garantista con la vicenda Siri, sono garantista anche per la questione di Milano. Per me vale la presunzione di innocenza fino al terzo grado di giudizio. Le regole sono uguali per tutti, sono contrario ai processi mediatici, la magistratura faccia in fretta e decida se ci sono dei colpevoli oppure no".

"Per quanto ci riguarda, i dirigenti che avevano incarichi di partito sono stati sospesi", ha concluso Tajani.