I Talebani chiedono aiuto al Qatar

·3 minuto per la lettura

La diplomazia talebana chiede aiuto al Qatar per attivare gli indispensabili rapporti internazionali di cui i paese ha vitale bisogno. Ed ecco la visita a Kabul dello Sceicco Mohammad bin Abdur Rahman Al-thani, Vice Primo Ministro insieme, del Ministro degli Esteri del Qatar oltre al consigliere di stato sceicco Mohammad bin Ahmad Al-Mosnad. il Qatar ha "esortato i funzionari afgani a coinvolgere tutte le parti afgane nella riconciliazione nazionale".

I social talebani

Nel corso della visita a Kabul, il ministro degli Esteri del Qatar "si è congratulato con la leadership dell'EIA e con tutto il popolo afghano per la vittoria e ha sottolineato l'importanza di rafforzare le relazioni bilaterali e attirare più assistenza umanitaria internazionale": hanno fatto sapere i social che sostengono il nuovo governo di Kabul.

La prima grande visita ufficiale

La visita del ministro degli esteri del Qatar, che ha anche parlato con l'ex presidente afghano Hamid Karzai, è la più importante visita diplomatica in Afghanistan da quando i talebani sono tornati al potere ma intanto l'Afghanistan è in grave crisi economica nonostante la ripresa delle importazioni di materie prime e di carburanti. Tutto costa troppo inoltre il sistema sanitario è sull'orlo del collasso. Mentre scarseggiano le forniture di medicinali il personale medico fatica a curare i malati inoltre in tanti settori gli stipendi non vengono più pagati da mesi.

Un esordio contraddittorio

Va detto che le prime mosse dell'esecutivo afghano confermano le contraddizioni del nuovo regime: separazione di studenti maschi e femmine nelle università, amnistia per i collaboratori dell'ex governo e dei Paesi Nato e richiamo in servizio della polizia del deposto regime. Mentre alcune decine di donne torna a lavorare all'aeroporto il ministro per l'Istruzione superiore, Abdul Baqui Haqqani, ha confermato che, come preannunciato nei giorni scorsi, le ragazze potranno continuare a frequentare le università, a differenza di quanto avveniva durante il primo regime dei Talebani, tra il 1996 e il 2001, ma le classi dovranno essere separate da quelle dei colleghi uomini. Le classi miste "sono contrarie ai principi dell'Islam e alle nostre tradizioni", ha affermato il ministro, riconoscendo tuttavia che, rispetto al primo governo del movimento jihadista, il numero di atenei nel Paese è "molto aumentato" e che l'insegnamento universitario è necessario per "costruire un Afghanistan prospero e indipendente".

La lenta ripresa del traffico aereo

Nei giorni scorsi due voli charter del Qatar Airways avevano portato fuori dal Paese altri 250 persone con passaporto straniero che non avevano potuto imbarcarsi sui voli del grande ponte aereo internazionale di fine agosto. Ai posti di blocco intorno all'aeroporto si sono visti tornare anche agenti della polizia già operativi sotto il governo Ghani, richiamati in servizio dopo che erano stati allontanati due settimane fa. I membri della polizia, dell'esercito e degli apparati di sicurezza del deposto regime dovrebbero essere tra i beneficiari di un'amnistia annunciata per tutti coloro che hanno collaborato con il deposto governo. Dirigenti talebani hanno detto che tali strutture dovrebbero essere integrate nel nuovo sistema di potere, anche se non è ancora chiaro come ciò avverrà e da dove verranno i finanziamenti per sostenere un apparato che comprende circa 600.000 persone, mentre il Paese fa fronte a una gravissima crisi finanziaria.

Gli omaggi ai caduti negli USA

Negli Stati Uniti intanto si tengono ancora le parate locali in omaggio ai reduci dall'Afghanistan con ulteriori cerimonie in ricordo ai caduti in particolare ai soldati morti nell'ultimo attentato lungo il perimetro dell'aeroporto di Kabul. Il corpo di uno dei giovani marines uccisi è stato scortato nella sua città natale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli