Talebani: "La nostra legge è la sharia"

·2 minuto per la lettura
KABUL, AFGHANISTAN -- AUGUST 17, 2021: Zabihullah Mujahid, the Taliban spokesman for nearly 2 decades who worked in the shadows, makes his first-ever public appearance to address concerns about the Taliban' reputation with women's education, appearance and rights, television music and executions, during a press conference in Kabul, Afghanistan, Tuesday, Aug. 17, 2021. (MARCUS YAM / LOS ANGELES TIMES) (Photo: Marcus Yam via Los Angeles Times via Getty Imag)
KABUL, AFGHANISTAN -- AUGUST 17, 2021: Zabihullah Mujahid, the Taliban spokesman for nearly 2 decades who worked in the shadows, makes his first-ever public appearance to address concerns about the Taliban' reputation with women's education, appearance and rights, television music and executions, during a press conference in Kabul, Afghanistan, Tuesday, Aug. 17, 2021. (MARCUS YAM / LOS ANGELES TIMES) (Photo: Marcus Yam via Los Angeles Times via Getty Imag)

“Non ci sarà alcun sistema democratico perché non ha alcuna base nel nostro Paese”. Queste le parole di Waheedullah Hashimi, alto esponente dei talebani, in un’intervista alla Reuters, pubblicata sul sito dell’agenzia.
“Non discuteremo quale tipo di sistema politico dovremmo applicare in Afghanistan perché è chiaro. È la legge della sharia e basta” ha affermato Hashimi.

I talebani hanno poi fatto appello ai militari che avevano combattuto per il vecchio governo afghano perché si uniscano a loro nella formazione di un nuovo esercito. “Molti di loro sono stati addestrati in Turchia, Germania e Inghilterra. Quindi parleremo con loro perché tornino alle loro posizioni”, ha dichiarato ancora Hashimi, “ovviamente ci saranno cambiamenti, ci sarà qualche riforma nell’esercito ma comunque abbiamo bisogno di loro e chiederemo loro di unirsi a noi”.

Hashimi ha spiegato che i talebani hanno in particolare bisogno di piloti, non avendone nessuno tra le loro fila, pur avendo a disposizione numerosi aeromobili militari reperiti nelle diverse basi aree del Paese.

“Siamo in contatto con molti piloti - ha aggiunto - abbiamo chiamato molti di loro e stiamo cercando altri contatti per chiamarli e invitarli a tornare al lavoro”. Il funzionario talebano ha poi affermato che si aspetta che i Paesi confinanti restituiscano i velivoli militari atterrati sul loro territorio, un riferimento ai 22 aerei da guerra e ai 24 elicotteri atterrati giorni fa in Uzbekistan con a bordo centinaia di soldati in fuga.

Hashimi ha anche parlato della costituzione del nuovo governo. “L’Afghanistan potrebbe essere governato da un consiglio di governo, mentre il leader del movimento, Haibatullah Akhundzada, rimarrebbe probabilmente al comando dalle retrovie” ha detto alla Reuters Hashimi. La struttura di potere che Hashimi ha delineato avrebbe somiglianze con quella con cui i talebani guidarono l’Afghanistan dal 1996 al 2001. Quindi, il leader supremo mullah Omar (fondatore del movimento) nell’ombra, e la gestione quotidiana del Paese ad un consiglio di governo. Akhundzada nel nuovo schema avrebbe un ruolo al di sopra del capo del consiglio, che sarebbe simile al presidente del paese, ha aggiunto Hashimi. Tra i leader che potrebbero comporre il direttivo ci sono Mawlavi Yaqoob, figlio del mullah Omar, Sirajuddin Haqqani, leader della potente rete Haqqani, e Abdul Ghani Baradar, che dirige l’ufficio politico dei talebani a Doha ed è uno dei membri fondatori del gruppo.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli