Tammerle: "Alto Adige è invenzione fascismo, ora referendum"

webinfo@adnkronos.com

di Francesco SaitaNessun passo indietro dalla consigliera del Süd-Tiroler Freiheit Myriam Atz Tammerle, la promotrice della modifica di legge che 'elimina' la dizione Alto Adige nella norma europea. "Abbiamo chiesto e ottenuto la cancellazione della parola Alto Adige, perché semplicemente quella parola non esiste, su base provinciale esiste la provincia di Bolzano e così abbiamo scritto".  

Dopo la bufera, con il ministro Boccia che ha promesso che impugnerà la legge, Tammerle, intervistata dall'AdnKronos, non nasconde la mano: "L'Alto Adige è una invenzione di Ettore Tolomei, personaggio del fascismo, che ha cancellato tutti i nomi geografici nel sud Tirolo e anche i nomi tedeschi, dopo l'annessione della nostra provincia, facendo piazza pulita di tutti i simboli del Tirolo". 

"Noi - avverte - portiamo avanti i diritti dei sudtirolesi di madrelingua ladina e tedesca". Per poi spiegare che servirebbe "un referendum: esiste il diritto alla autodeterminazione dei popoli e i sudtirolesi non hanno mai potuto decidere se essere cittadini italiani o no" perché "ci hanno venduto all'Italia e fino a a oggi non abbiamo potuto decidere se restare in Italia o dire a Roma arrivederci e grazie".  

Tammerle pensa anzi a un doppio passaggio: prima il referendum "poi decideremo se voler diventare cittadini austriaci oppure se prendere un altra via, magari da soli, in una nuova Europa delle regioni". Sugli attacchi ricevuti alla legge provinciale, taglia corto. "C'è qualcuno - dice - che in Italia non vuole smettere di dare importanza a nomi fascisti, chi alimenta impuntature nazionalistiche che non portano a nulla". 

"Nella legge - ribadisce, riferendosi alla norma incriminata - è importante avere usato le parole che sono nello statuto dell'autonomia, dove si legge 'provincia di Bolzano'. "Perché la parola Alto Adige non esiste su base provinciale e nella legge dello statuto autonomo si dice che esiste la regione della provincia di Bolzano e di Trento, lì non esiste Alto Adige, non si usa".  

"Noi - assicura - non abbiamo tolto niente agli italiani, né di identità né di mentalità, nella legge però, si devono usare le parole corrette, anche da un punto di vista giuridico". La Costituzione viene violata? "Su base regionale esiste la parola Alto Adige, su base provinciale non esiste Alto Adige", conclude Tammerle.