Tampone, ecco quali aziende lo pagano ai dipendenti

·1 minuto per la lettura
(AP Photo/Mark Lennihan, File)
(AP Photo/Mark Lennihan, File)

Da venerdì 15 ottobre il Green Pass diventa obbligatorio sul luogo di lavoro. Questo non significa che tutti dovranno essere vaccinati: alternativamente al vaccino anti-Covid, infatti, il lavoratore può dimostrare di essere guarito recentemente dall'infezione, oppure può scegliere di presentare il risultato del tampone che dimostri la sua negatività al virus. 

Il tampone, però, ha un costo, che rischia di diventare pesante se il test deve essere eseguito più volte nel corso della stessa settimana.

VIDEO - Green pass obbligatorio sul lavoro: le regole da seguire

Alcune aziende, tuttavia, hanno deciso di pagarli ai loro dipendenti. Ecco quali, secondo un articolo pubblicato da Sky TG24:

NATURA SÌ – La catena di supermercati biologigi ha detto già tempo fa che avrebbe dato “un contributo consistente” per pagare i tamponi ai dipendenti che non intendono vaccinarsi. In tutto, i dipendenti del marchio sono 1.650 dipendenti.

EX ILVA — Acciaierie Italia pagherà il tampone ogni 48 ore ai 1.600 dipendenti dell’ex Ilva che non sono vaccinati. 

AZIENDE METALMECCANICHE – Da Ducati Motor a Toyota Material Handling, la maggior parte delle aziende metalmeccaniche della provincia di Bologna ha deciso di pagare i tamponi ai dipendenti. A renderlo noto sono Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil con un comunicato congiunto. Tra le altre fabbriche ci sono Gd (gruppo Coesia), Ima, Bonfiglioli e altre di piccole e medie dimensioni,

PIQUADRO – Il gruppo leader nel settore degli accessori in pelle ha deciso di offrire tamponi gratuiti a tutti i dipendenti non vaccinati dei suoi marchi Piquadro, The Bridge e Lancel. 

SAILMAKER – L'azienda di arredamenti tessili, tessuti per vele, telonerie navali e marittime pagherà i tamponi per tutti e 26 i suoi dipendenti.

VIDEO - Green pass: quanti lavoratori non sono vaccinati?

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli