Tamponi coronavirus gratis per over 65 in Lombardia

webinfo@adnkronos.com

"Cambio di strategia" in Lombardia su tamponi per la diagnosi di Covid-19 e test sierologici per la ricerca degli anticorpi anti Sars-CoV-2. Così Samuele Astuti, consigliere del Pd, ha definito quanto previsto da una mozione bipartisan approvata nella seduta pomeridiana del Consiglio regionale. Sono state infatti unificate in un nuovo testo, firmato da maggioranza e opposizione e illustrato in Aula da Astuti, le mozioni di Pd e Lega che riguardavano entrambe tamponi e test sierologici. 

Nel documento approvato all'unanimità - informa il Pirellone - si chiede di realizzare, nell'ambito del Servizio sanitario nazionale, uno studio epidemiologico sugli over 65, tramite test sierologici ed eventualmente tamponi; di accertare, attraverso le Ats e i medici di medicina generale, che tutti i conviventi di persone segnalate Covid siano stati sottoposti a test sierologico e, se positivo, a successivo tampone nasofaringeo; di prevedere che il costo dei tamponi eseguiti in regime privatistico, a seguito di test sierologici, sia a carico del Servizio sanitario regionale secondo la tariffa stabilita dalla Dgr 3131/2020. Il documento impegna inoltre la Giunta e l'assessore competente a indicare una tariffa standard per i laboratori privati autorizzati a eseguire i test sierologici, e procedure semplificate per le aziende ai fini di uno screening sui propri lavoratori, dando priorità alle aree maggiormente colpite. 

Per Astuti si tratta di "un cambio di strategia che chiediamo da tempo, inascoltati, e che oggi vede finalmente d'accordo anche le forze di maggioranza del Pirellone: speriamo che si possa recuperare il tempo perduto. Una migliore e più capillare campagna di verifica della diffusione del virus, tramite test sierologici, e dell'attuale presenza, tramite i tamponi, è la strada da percorrere per liberare finalmente la Lombardia da questo terribile morbo". Secondo l'esponente dem, adesso "fare test e tamponi dovrebbe essere finalmente più facile e alla portata di tutti. Ora la Giunta emani al più presto la delibera per dare corso a quanto deciso". 

"Riuscire a mettere insieme maggioranza e minoranza, unificando le due mozioni presentate, rappresenta un grande successo" per Emanuele Monti (Lega), presidente della Commissione regionale Sanità e Politiche sociali, "perché raggiunge l'obiettivo di fare il bene dei cittadini, finalmente senza divisioni ideologiche. Come presidente di Commissione ho lavorato affinché arrivassimo a presentare un'unica mozione in Consiglio regionale - evidenzia - facendo un lavoro di sintesi grazie al quale a guadagnarci saranno essenzialmente i cittadini".